Stai leggendo:

"(500 giorni insieme)" di Marc Webb

11 settembre 2009 Recensioni 9 Commenti
Alessandro Barbero, 11 Settembre 2009: Intelligente
20th Century Fox, 27 Novembre 2009

Summer è una ragazza che non crede nel vero amore. Tom, però, si innamora di lei a prima vista. 500 sono i giorni in cui la loro storia inizia, si sviluppa, va in crisi e finisce. Ma ad una stagione ne segue sempre un’altra…


La trama potrebbe far pensare alla classica commedia hollywoodiana che racconta l’ancor più classica storia d’amore, con i suoi lati poetici, romantici, malinconici e tutto l’armamentario cui questo cinema ci ha tristemente abituato. La cosa curiosa è che tutto questo è vero, ma il film non è banale, né inutile, né scontato. La differenza rispetto alle mille commedie del genere sta nel modo in cui la storia viene descritta. Marc Webb, regista del film, gioca con il tempo, con quei 500 giorni in cui la storia tra Tom e Summer si svolge. Corre in avanti e poi torna indietro; lo fa in modo intelligente, con un montaggio serrato e una scorrevolezza del racconto non facile da ottenere.

Le situazioni, oltre ad essere spiritose, sono anche realistiche, mai esageratamente comiche né drammaticamente tragiche. Neppure noiose, perché la vicenda dei due ragazzi è costellata di episodi, di cambi d’umore, di momenti. Grazie a questi elementi la commedia è nell’insieme godibile e intelligente, senza nessuna pretesa di insegnare qualcosa ma neppure l’arroganza di voler far sognare ad occhi aperti. Semplicemente, racconta una storia che è la metafora della vita, dove gli eventi accadono e si ripetono, ciclicamente, e ciò che in un momento sembra la fine del mondo, col tempo si rivela per quello che è.


Titolo: (500) giorni insieme ((500) Days of Summer)
Regia: Marc Webb
Sceneggiatura: Scott Neustadter, Michael H. Weber
Fotografia: Eric Steelberg
Interpreti: Joseph Gordon-Levitt, Zooey Deschanel, Geoffrey Arend, Clark Gregg, Chloë Moretz, Matthew Gray Gubler, Patricia Belcher, Rachel Boston, Minka Kelly, Ian Reed Kesler, Darryl Alan Reed, Yvette Nicole Brown
Nazionalità: USA, 2009
Durata: 1h. 35′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 9 commenti a questo articolo:

  1. laurab scrive:

    Non vedo l’ora di vederlo!!!
    deve essere un bel film e sul facebook ci sono tente notizie interessanti…sono diventa fans per restare sempre aggiornata

  2. Marco scrive:

    Completamente d’accordo con la recensione di Alessandro che in 2 parole ha espresso chiaramente quello che il film vuole tradurre.
    Ho sorriso continuamente guardando le vicissutidini dei due protagonisti ( molto ben calati nella parte tutti e due, complimenti! ).
    Regia efficace alla trama e momenti di staticità assenti.
    Piacerà molto anche ai ragazzi ( che rigorosamente devono essere accompagnati dalla propria ragazza! ), infatti scene troppo “caramellate” sono assenti.
    Alcune soluzioni di regia molto originali (la parte che fa vedere le aspettative di Tom e “di fianco” quello che realmente sta succedendo è straordinaria! ).
    Comunque consigliatissimo. Ottima commedia intelligente.

  3. Riccardo ( ex Mickey Rourke ) scrive:

    Rimanendo sul tema di film commedia.
    Alberto, tu hai visto i film di Don Camillo?
    Cosa ne pensi?

  4. Alberto Cassani scrive:

    Non è che Don Camillo abbia molto a che fare con questo film, eh? Comunque i primi due, diretti da Julien Duvivier (Don Camillo e Il ritorno di Don Camillo) sono molto belli, gli altri tre con Fernandel e Gino Cervi sono divertenti. Quello con Gastone Moschin non l’ho visto ma quello con Terence Hill lasciamolo perdere.

  5. Riccardo ( ex Mickey Rourke ) scrive:

    Ho visto il primo episodio di Don Camillo e l’ultimo ( perché li ho in dvd ) e devo dire che sono straordinari, divertentissimi, pur raccontando anche la drammatica storia dell’Italia contadina del dopoguerra.
    Credo che Mediaset stia facendo una buona azione a restaurare i vecchi film ( finora sono 20 ) perché se andassero persi, sicuramente andrebbe perso un pezzo di cultura e memoria dell’Italia è come dire che la Grecia perdesse dalla memoria l’evento storico delle Termopili. Non so se mi spiego.
    Comunque è una buona iniziativa questa, vedrò di attrezzarmi di film anche di fellini ( ho 14, ho 170 film e neanche uno di Fellini, bhè ho tutta una vita davanti per vederne uno ).

  6. Checco scrive:

    Cristo santo ma che diavolo c’entra Don Camillo! Alberto, scusa se mi permetto, ma devi sempre essere così educato e indulgente da dovergli rispondere? Non potevi limitarti a fargli notare che aveva fatto “leggermente” la pipi fuori dal vasino?! Questo è un bellissimo film, davvero intelligente,come suggerito nella recensione, oltre che ben fatto, allora perché mortificarlo in questo modo finendo per parlare di tutt’altro?! bah…

  7. Alberto Cassani scrive:

    Eh vabbé, Checco, che ci posso fare? Se impedisco alla gente di parlare di cinema poi scappano. E’ chiaro che sarebbe meglio rimanere all’argomento della recensione, ma non mi va di stringere troppo il recinto.

  8. Giorgio scrive:

    Condiviso pienamente il giudizio, proprio perchè sono un nemico delle commedie romantiche hollywoodiane, e aggiungerei che anche la selezione delle musiche è fatta con grande gusto.

  9. Marco scrive:

    Rivisto dopo tanto tempo e la mia opinione non cambia rispetto al mio precedente commento.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre