Stai leggendo:

"8 donne e un mistero" di François Ozon

12 giugno 2002 Recensioni 1 Commento
Francesco Puglisi, 21 Giugno 2002: Medio
Bim, 17 Ottobre 2002

Otto donne si ritrovano in una villa per festeggiare il Natale ma l’assassinio del padrone di casa, pugnalato nel proprio letto, sconvolge i piani e mette a nudo il vero essere di ognuna di loro. Otto donne che hanno, immancabilmente, qualcosa da nascondere e qualcosa di cui poter essere accusate…


Per dire che la famiglia è un covo di serpi, e che nessuno è quello che sembra ma ognuno ha qualcosa da nascondere, il regista francese François Ozon (Gocce d’acqua su pietre roventi e il recente Swimming Pool) scomoda la commedia, il musical, il giallo e cinque tra le più grandi attrici francesi. Il risultato finale è un piacevole susseguirsi di improbabili colpi di scena, battute acidissime che le protagoniste si gettano addosso l’un l’altra e interpretazioni grandiose che danno luogo ad alcuni momenti davvero spassosi (Danielle Darrieux che dalla sedia a rotelle si alza e sale le scale, la Deneuve che le spacca una bottiglia in testa…).
Quello che non convince invece, e che dà veramente fastidio, è il fatto che ognuna delle protagoniste a un certo punto del film si metta a cantare e ballare, con le altre che la stanno a guardare (o peggio, le fanno da coro), e l’allestimento pedantemente teatrale della scenografia, quasi a voler richiamare alla memoria i vecchi film di Hitchcock (Nodo alla gola o Delitto perfetto) che si svolgevano all’interno di un unico ambiente. Ma in entrambi i casi si chiude un occhio visto che veder cantare e ballare Catherin Deneuve o Fanny Ardant è uno spettacolo, e che le scenografie trionfano di colori sgargianti quasi quanto quelli degli abiti indossati dalla protagoniste.

Per il resto, la regia non gioca come avrebbe potuto fare con i pianisequenza nell’inglobare o escludere le attrici all’interno dell’inquadratura, ma utilizza (a volte anche maluccio) il montaggio e non si mette in evidenza. La sceneggiatura è il risultato di forzature e colpi di scena improbabili ma tuttavia simpatici. Le interpretazioni sono buone, e fra tutte Isabelle Huppert spicca per come riesce a rendere perfettamente l’idea del suo personaggio isterico e acido con una sola movenza degli occhi. La fotografia è discreta, anche se qualche volta fa cilecca e le musiche, a parte le canzoni, sono praticamente inesistenti.


Titolo: 8 donne e un mistero (8 Femmes)
Regia: François Ozon
Sceneggiatura: François Ozon
Fotografia: Jeanne Lapoirie
Interpreti: Danielle Darrieux, Catherine Deneuve, Fanny Ardant, Isabelle Huppert, Ludivine Sagnier, Virginie Ledoyen, Emmanuelle Béart, Firmine Richard, Dominique Lamure

Nazionalità: Francia, 2002
Durata: 1h. 43′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente c'è 1 commento a questo articolo:

  1. Marco scrive:

    Non sono d’accordo sulle parti cantate, sono veramente molto belle e la canzoni molto orecchiabili, poi tutto sta nella bravura dell’attrice ed in tutti i casi se la sono cavata egregiamente.
    D’accordo invece sugli errori di montaggio e che la regia poteva fare qualcosa in più.
    Il colpo di scena m’è piaciuto.
    Bravissime tutte le attrici.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre