Stai leggendo:

Barriere di Denzel Washington

13 marzo 2017 Recensioni 0 Commenti
Barriere

Universal, 23 Febbraio 2017 – Verboso

Pittsburgh, anni 50. Troy conduce una vita semplice e apparentemente serena, ma in realtà cova un profondo rancore verso la società dei bianchi che gli ha impedito di diventare un giocatore professionista di baseball. Così, quando un selezionatore prospetta al figlio la possibilità di giocare a football all’università, Troy si oppone…


Stephen Henderson, Denzel Washington e Jovan Adepo in BarriereAdattamento cinematografico dell’omonima pièce teatrale di August Wilson – uno dei più importanti drammaturghi afroamericani e vincitore del premio Pulitzer nel 1987 – Barriere è il terzo film da regista di Denzel Washington, dopo Antwone Fisher e The Great Debaters – Il potere della parola. Ci sono voluti diversi anni prima che il talentuoso attore/regista riuscisse a portare Barriere sullo schermo, ma finalmente l’attore e la coprotagonista Viola Davis si ritrovano a recitare nuovamente insieme i ruoli di Troy e Rose, che nel 2010 valsero a entrambi il prestigioso Tony Award. Il film ha un’evidente origine teatrale, ma nonostante la maggior parte delle scene si svolgano in uno spazio circoscritto, risultano comunque dinamiche e fluide, grazie anche all’abilità del regista nel muovere la macchina da presa sugli attori e a continui e intensi primi piani.

Denzel Washington, Mikelti Williamson e Viola Davis in BarriereBarriere è una pellicola in cui il ruolo degli attori è fondamentale. E’ caratterizzata da vivaci scambi di battute e lunghi monologhi, che funzionano grazie all’ottimo livello degli interpreti. Denzel Washington e Viola Davis sono semplicemente straordinari: i loro dialoghi, che siano scherzosi o drammatici, sono quelli che esprimono i momenti di maggiore intensità e profondità del film. La recitazione di Denzel Washington è molto fisica, sia nell’uso della mimica facciale sia nei movimenti; più misurata e intensa, invece, quella di Viola Davis, che interpreta una figura femminile all’apparenza mite, ma in realtà forte e decisa, che rappresenta il baricentro della famiglia.

Denzel Washington e Viola Davis in BarriereLa vicenda si svolge principalmente nella casa e nel cortile della famiglia di Troy. Pittsburgh appare raramente: se ne sentono i suoni, i rumori come se fosse un personaggio distante, la città rappresenta in un certo senso il mondo che Troy vuole tenere fuori, al di là di quello steccato che da tempo sta cercando di costruire intorno alla sua abitazione. Attraverso la storia di Troy e della sua famiglia si racconta anche un pezzo di storia della comunità afroamericana, il problema razziale e le ingiustizie sociali ne sono una componente essenziale. Sia Rose sia Troy hanno dovuto sacrificare sogni e aspirazioni, ma mentre la prima lo ha accettato con rassegnazione, il secondo si è indurito, convinto che il destino dei neri, in una società governata dai bianchi, sia segnato.

Jovan Adepo in una scena di BarriereTroy ha costruito un recinto emotivo intorno a sé che lo rende incapace di comunicare con i figli. E’ mosso da buone intenzioni, si preoccupa che abbiano una situazione lavorativa stabile e non seguano falsi sogni di gloria, ma con il suo atteggiamento autoritario e protettivo finisce con il tarpare loro le ali. Gli scontri verbali tra padre e figli, così come quelli tra marito e moglie, regalano al film momenti di notevole intensità drammatica.

Forse si può rimproverare al regista l’eccessiva lunghezza della pellicola – 138 minuti – e i dialoghi infiniti, che a volte possono risultare stancanti per lo spettatore. Ma il film ha una tale forza sia dal punto di vista della trama sia della recitazione, che si finisce con l’esserne emotivamente coinvolti.


La locandina di BarriereTitolo: Barriere (Fences)
Regia: Denzel Washington
Sceneggiatura: August Wilson
Fotografia: Charlotte Bruus Christensen
Interpreti: Denzel Washington, Viola Davis, Stephen Henderson, Jovan Adepo, Russell Hornsby, Mykelti Williamson, Saniyya Sidney
Nazionalità: USA, 2016
Durata: 2h. 18′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento








Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].