Stai leggendo:

Bob & Marys - Criminali a domicilio di Francesco Prisco

4 aprile 2018 Recensioni 0 Commenti
Bob & Marys - Criminali a domicilio

Videa, 5 Aprile 2018 – Piacevole

Roberto e Marisa sono una coppia come tante, schiava della routine, fino a quando non si trasferiscono in un altro quartiere di Napoli. Lì diventano vittime dell'”accùpatura”, una pratica criminale per cui i prescelti dalla malavita sono costretti a custodire in casa merce illecita senza possibilità di denunciare la situazione…


Con Bob & Marys – Criminali a domicilio Francesco Prisco dirige un film che sa subito di black comedy, con un pizzico di grottesco qui e là, ma che mantiene uno sguardo molto attento alla questione sociale della criminalità organizzata. Gli scarafaggi in dettaglio che corrono verso di noi nei frame di apertura sono allusivi e simbolici, e tornano come Leitmotiv per tutto il film. La storia di cui si racconta si ispira a una vicenda di vita vera, da cui proprio il regista prende spunto per sviluppare la sceneggiatura. La addolcisce un po’, ne stempera i toni, romanza un attimo la questione, per smorzare la reale drammaticità di un crimine torbido e violento. È importante il percorso dei protagonisti e come si lascino plasmare dal sopruso.

Da vittime a ribelli, con paura ma anche determinazione. Roberto (Rocco Papaleo) e Marisa (Laura Morante) riacquistano colore in un presente quieto fatto di ordinarietà e grigia abitudine. L’accùpatura è lo stimolo per tornare a essere i sessantottini di una volta, il pretesto per trovare la fresca giovinezza a ritmo di rock & roll. La vena malinconica che avvolge Roberto quando entra nel suo finto camper, compagno di interminabili viaggi senza meta in un passato così lontano e ora ridotto a un semplice container posizionato in giardino, dal quale continua a comunicare via baracchino con altri reali camperisti, ci restituisce il senso di inadeguatezza di quest’uomo che ritrova la sua sopita vitalità, attraverso quest’impennata rocambolesca fatta un po’ di crimine e rinascita.

Importanti i ruoli minori di Bob & Marys – Criminali a domicilio, che ruotano intorno ai protagonisti, primo fra tutti Metallino (Giovanni Esposito), l’ex criminale sulla via del recupero, che diventa una vera spalla comica di Marisa. Interessante anche l’ambientazione: non viene scelta la Napoli del centro, dei vicoli, dei panni stesi, perché la location è un luogo anonimo sito dietro a un “casermone” popolare, una villetta con giardinetto senza cancello e staccionata, come se fosse un pezzetto di provincia americana nella periferia napoletana.


La locandina di Bob & Marys - Criminali a domicilioTitolo: Bob & Marys – Criminali a domicilio
Regia: Francesco Prisco
Sceneggiatura: Francesco Prisco, Annamaria Morelli, Marco Gianfreda
Fotografia: Maurizio Calvesi
Interpreti: Rocco Papaleo, Laura Morante, Simona Tabasco, Andrea Di Maria, Francesco Di Leva, Enzo Salomone, Antonino Iurio, Massimiliano Gallo, Gianni Ferreri, Giovanni Esposito
Nazionalità: Italia, 2018
Durata: 1h. 40′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].