Stai leggendo:

"Eden" di Amos Gitai

1 ottobre 2001 Recensioni 0 Commenti
Paola Cavallini, 1 Ottobre 2001: Superficiale
Istituto Luce, 7 Settembre 2001

Samantha e Dov, due coniugi ebrei emigrati in Israele dagli Stati Uniti, sono convinti che si possa costruire, accanto alle case, anche la convivenza pacifica tra arabi e israeliani, ed in nome delle sue idee patriottiche ha sacrificato il rapporto e la comunicazione con la moglie. Con l’inasprirsi del conflitto, la situazione precipita…


Quadro politico-familiare a cavallo tra Israele e gli USA durante la Seconda Guerra Mondiale, Eden è il nuovo film di Amos Gitai, regista già noto al pubblico del Festival di Venezia, ma anche a quello delle sale italiane, per i suoi Kadosh e Kippur. Quest’opera appare però meno interessante e coinvolgente delle precedenti. La sceneggiatura è debole, la vicenda narrata superficiale: tra un tentativo e l’altro di seduzione di Samantha Morton nei confronti di un apatico Thomas Jane gli argomenti di un certo spessore non appaiono trattati in modo approfondito e coinvolgente. La guerra rimane lontanissima sullo sfondo, e giunge a noi solo attraverso i deliranti racconti di Dov; il conflitto arabo-israeliano è appena accennato per mezzo della figura della ragazza di Kalman; lo sterminio degli ebrei nei campi nazisti presentato come personale lutto del libraio ebreo.

Nonostante le belle immagini, fotografate in modo eccellente da Renato Berta (alle quali siamo anche ormai abbastanza abituati), Eden non riesce a toccare più di tanto l’animo dello spettatore. Il ritmo del film è inutilmente lento e anche la recitazione, abbastanza fredda e banale, degli interpreti principali, contribuisce a dipingere un quadro un po’ astratto e artefatto di un momento davvero drammatico della Storia dell’umanità, che meriterebbe certo maggiore attenzione.


Titolo: Eden (Id.)
Regia: Amos Gitai

Sceneggiatura: Amos Gitai, Marie-José Sanselme, Nick Villiers
Fotografia: Renato Berta

Interpreti: Samantha Morton, Thomas Jane, Luke Holland, Danny Huston, Daphna Kastner, Arthur Miller

Nazionalità: Francia – Italia – Israele, 2001
Durata: 1h. 31′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.