Stai leggendo:

"Il cliente" di Asghar Farhadi

21 maggio 2016 Recensioni 0 Commenti
Forushande

Lucky Red, 3 Novembre 2016 – Accurato

Il palazzo dove vivono Emad e Rana rischia di crollare, così i due sono costretti a evacuare e trovare in fretta un’altra casa. Dopo una notte all’avventura trovano grazie a un amico un appartamento in cui trasferirsi, ma qualche giorno dopo il trasloco scoprono che l’inquilina precedente faceva la vita…


Shahab Hosseini e Taraneh Alidoosti in Il clientePenultimo film in concorso a Cannes 2016, Il cliente si inserisce perfettamente nelle linee dei precedenti film di Asghar Farhadi, gli ultimi due dei quali sono stati premiati a Berlino e Cannes oltre che agli Oscar. Anche questo film gira intorno al rapporto tra marito e moglie ed è costruito con dialoghi precisi e una regia sobria quando non minimale, cosa che gli permette di giostrare attorno a una situazione spiacevole senza mai infastidire. E’ forse questa la grande bravura del regista iraniano, quella di raccontare situazioni sgradevoli con la giusta delicatezza, sapendo bene quando si può essere duri e quando invece è meglio astenersi.

Shahab Hosseini in una scena di Il clienteLa piccola umanità presentata in Il cliente non ci fa esattamente una bella figura, piena com’è di personaggi all’apparenza rispettabili ma che in realtà hanno un animo corrotto che nella società iraniana li porterebbe all’umiliazione pubblica. Farhadi li mette in scena senza simpatia ma anche senza biasimo, conscio di quanto poco basta per far sì che lo spettatore sia in grado di avere un’opinione propria sui personaggi che sta vedendo sullo schermo. Come sempre tutto è giostrato su un registro dimesso, senza urla o scene madri, ma con un ritmo più compassato del solito che ad alcuni può sembrare esagerato.

Taraneh Alidoosti in Il clienteQuello che però non funziona è l’intreccio tra la vicenda principale e la Morte di un commesso viaggiatore che dà il titolo al film. La commedia di Arthur Miller che i personaggi mettono in scena in un piccolo teatro sembra poco più che un pretesto per complicare la vicenda, perché tutti i parallelismi sono ovvi e non aggiungono nulla allo spessore dei personaggi e dei rapporti che li legano. E’ forse questo difetto, quasi un eccesso nella ricerca di una dimensione più intellettuale, che ha infastidito molti giornalisti presenti in Costa Azzurra, perché il film non è stato accolto con l’entusiasmo che avrebbe meritato.


La locandinaTitolo: Il cliente (Forushande)
Regia: Asghar Farhadi
Sceneggiatura: Asghar Farhadi
Fotografia: Hossein Jafarian
Interpreti: Shahab Hosseini, Taraneh Alidoosti, Babak Karimi, Farid Sajjadihosseini, Mina Sadaati, Maral Bani Adam, Mehdi Kooshi, Emad Emani, Shirin Aghakashi, Majtaba Pirzadeh, Sarah Asadollahe, Sam Valipour
Nazionalità: Iran – Francia, 2016
Durata: 2h. 05′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)