Stai leggendo:

"I Racconti di Terramare" di Goro Miyazaki

2 settembre 2006 Recensioni 2 Commenti
I Racconti di Terramare

Lucky Red, 20 Aprile 2007 – Dark

Un veliero naviga nel mare in tempesta. Il capitano ordina al Mago del Tempo di calmare le acque, ma l’uomo non ricorda il vero nome del mare e del vento. Poi, all’improvviso, appaiono due dragoni che si stanno divorando a vicenda. Una cosa impensabile: l’equilibrio del mondo sta crollando…


Ged e Arren di I Racconti di TerramareEsordio del figlio di uno dei più grandi registi di cartoni animati di tutti i tempi, I Racconti di Terramare è stato presentato fuori concorso al Festival di Venezia 2006. Tratto dai romanzi dei draghi di Earthsea scritti da Ursula Le Guin (Editrice Nord) che aveva già ispirato una miniserie Tv statunitense, è un film molto più oscuro e violento di quelli di Miyazaki padre, pur mantenendo chiaramente riconoscibile lo stile grafico dello Studio Ghibli. Si tratta, in effetti, di un film diretto ad un pubblico più adulto rispetto a quanto la casa di produzione ci ha abituati, e presenta una riflessione per nulla banale su quale sia il posto dell’Uomo nel mondo. Forse proprio il fatto di affrontare temi poco consoni al cinema d’animazione cui siamo abituati ha impedito al film di essere apprezzato dal pubblico nipponico come avrebbe meritato, e la cosa si è ripetuta a Venezia, dove molti sono usciti dalla sala prima della fine della proiezione e pochi hanno applaudito i titoli di coda.

Ged in una scena di I Racconti di TerramareDopo un prologo vivace e splendidamente disegnato, la pellicola si fa spigolosa dal punto di vista visivo come da quello narrativo. Purtroppo è evidente la poca esperienza di Goro Miyazaki, con una gestione acerba dei tempi e del ritmo, per nulla aiutato da un montaggio imperfetto. Sono invece molto belle le musiche di sapore celtico composte da Tamiya Terashima, che si fanno però meno convincenti quando diventano più drammatiche. La storia, comunque, appassiona e convince, pur arrivando ad un finale eccessivamente convulso e un po’ forzato. Certo a questo Miyazaki manca la sottigliezza del genitore, come al film mancano le allegorie tipiche della Ghibli, ma in realtà con una storia di questo tipo non ce n’era bisogno. Il risultato finale merita considerazione.


Titolo: I Racconti di Terramare (Gedo Senki)
Regia: Goro Miyazaki
Sceneggiatura: Goro Miyazaki, Keiko Niwa
Fotografia:
Doppiatori: Marco Vivio, Vittorio Di Prima, Roberta Paladini, Alessandra Cassioli, Gemma Donati, Enrico Pallini
Nazionalità: Giappone, 2006
Durata: 1h. 55′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 2 commenti a questo articolo:

  1. Riccardo scrive:

    Concordo con la recensione, non all’altezza dei lavori di Miyazaki padre ma sicuramente notevole.
    E pensare che a Venezia è stato anche stroncato…

  2. Alberto Cassani scrive:

    Io trovo gente che ne parla col sangue agli occhi ancora adesso, se è per questo…

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.