Stai leggendo:

La legge della notte di Ben Affleck

14 marzo 2017 Recensioni 0 Commenti
La legge della notte

Warner, 2 Marzo 2017 – Mediocre

Stati Uniti, fine anni Venti. Il giovane Joe Coughlin, reduce della Prima Guerra Mondiale, vive un’esistenza da fuorilegge compiendo rapine con una propria banda. In pieno proibizionismo, si unisce a uno dei due più potenti clan mafiosi nella conquista del mercato dell’alcool…


Chris Messina, Ben Affleck e Chris Cooper in una scena di La legge della notteNelle premesse, La legge della notte appare promettente: cast importante, regia e ruolo da protagonista maschile in capo a Ben Affleck, oltretutto produttore con Leonardo DiCaprio. Inoltre il soggetto, sceneggiato dallo stesso Affleck, è tratto dal romanzo omonimo di Dennis Lehane. Nonostante questi crediti, però, il punto debole del film è proprio da ricondurre alla trasposizione cinematografica di un libro che al cinema ha poco da dire, e al genere nulla da aggiungere.

Zoe Saldana e Ben Affleck in La legge della notteFiglio di un agente di polizia di Boston, Joe vive la sua ascesa nel mondo criminale intrecciandola alle proprie vicende sentimentali in un vortice – più o meno avventuroso – che lo vede andare e tornare dall’inferno vissuto in prima persona, oppure vissuto dagli altri che incontra sulla sua strada. Sarebbe preferibile lasciare questo genere di intreccio alla letteratura, soprattutto perché il suo svolgimento prevede alcuni accadimenti fortuiti che risultano poco credibili se visti nella sequenza cinematografica.

Elle Fanning in La legge della notteNonostante la regia sia buona nel complesso, anche nella capacità di restituire le immagini con una certa tecnica, dal punto di vista tematico La legge della notte corre da subito il rischio di indirizzare la simpatia dello spettatore verso il cattivo. Il protagonista lo è di certo, ma al contempo è calato da un lato in una società che sia a Nord sia a Sud è inquietante anche quando posta al di fuori della criminalità; dall’altro, è circondato da criminali più spietati di lui che sembrano sminuirne la delinquenza. Questi tentativi di approfondimento psicologico sono controbilanciati da scene d’azione inevitabili quanto violente, senza essere utili nel risollevare le sorti di un film in cui si mescolano anche troppe tematiche.

Ben Affleck e Remo Girone in La legge della notteFamiglie difficili, drammi personali, contrabbando e razzismo, oltre al dilemma dell’animo umano combattuto – ma neanche troppo – tra il bene e il male, sono tra i temi principalmente toccati. Nonostante ciò, il film scorre senza essere davvero coinvolgente nella sua totalità, lasciando nello spettatore delle domande aperte sulla plausibilità di certi colpi di scena, peraltro piuttosto inflazionati, e non solo al cinema.


La locandina di La legge della notteTitolo: La legge della notte (Live By Night)
Regia: Ben Affleck
Sceneggiatura: Ben Affleck
Fotografia: Robert Richardson
Interpreti: Ben Affleck, Zoe Saldana, Remo Girone, Chris Messina, Elle Fanning, Chris Cooper, Brendan Gleeson, Max Casella, Sienna Miller, Robert Glenister, Matthew Maher, Miguel, Titus Welliver, Christian Clemenson, J.D. Evermore
Nazionalità: USA, 2016
Durata: 2h. 09′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento








Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].