Stai leggendo:

"La ricerca della felicità" di Gabriele Muccino

11 gennaio 2007 Recensioni 0 Commenti
La ricerca della felicità

Medusa, 12 Gennaio 2007 – Riuscito

Chris Gardner è un brillante venditore in serie difficoltà economiche. Di punto in bianco si ritrova in mezzo ad una strada insieme col figlioletto di 5 anni. Poi, quasi per caso, viene assunto come praticante presso una prestigiosa società di consulenza finanziaria, ma lo stage non è retribuito…


Il regista Gabriele Muccino con Will Smith sul set di La ricerca della felicitàCon le migliori intenzioni e, soprattutto, con i più vivi complimenti, per quella che poteva rivelarsi un’operazione disastrosa e che, invece, risulta riuscita. Complimenti a Gabriele Muccino, ex golden boy del cinema italiano, che ha sempre prediletto, nella sua vena cinematografica e narrativa, le nevrosi dei giovani e delle persone mature, accompagnando il tutto con uno stile ed un senso della ripresa unico e innovativo. La trasferta americana si può quindi dire riuscita ma con delle riserve.

Will Smith e Jaden Smith in La ricerca della felicitàIndubbiamente, il salto nel “nuovo mondo” facile non è, basta chiedere a Franco Amurri o Carlo Carlei, che negli States non hanno avuto fortuna, ma qualcosa stavolta sembra indicare una direzione nuova. Il merito va forse ascritto a Muccino, che non strafà e si lascia guidare in un’industria cinematografica tanto diversa dalla nostra, accettando i compromessi e lavorando, cosa nuova e importante, su una sceneggiatura scritta e rodata da altri. La voglia di emergere dall’anonimato su commissione c’è sempre, ma il regista sa che bisogna fare un passo alla volta e, quasi come il suo protagonista, intraprende a brevi segmenti il percorso verso il successo.

Jaden Smith e Will Smith in La ricerca della felicitàNon si parla del sogno americano tanto caro a Frank Capra e ad altri vecchi marpioni, ma di un sogno umano, quello di una serenità spesso negata e sempre agognata. Per riuscire, come nel classico prodotto Hollywoodiano, a raggiungere una meta (in questo caso si tratta di un lavoro appagante e pagato) il protagonista deve scendere a dei compromessi fisici (le corse continue) e psicologici (privazioni continue).

Una scena di La ricerca della felicitàNaturalmente non sveliamo il finale, ma possiamo dire che Muccino segue letteralmente le linee del percorso hollywoodiano, senza commettere errori e, soprattutto, raffreddando i suoi furori registici. Non ci sono più le carrellate, i dolly e il montaggio frenetico che hanno portato al successo gli isterismi di Accorsi e Morante; ora siamo nella fase della piena maturità raggiunta e premiata (successo di pubblico e critica U.S.A.), che comportano il totale abbandono di certi vezzi (e di certe ideologie) a favore di una purezza dell’immagine e del racconto.

Will Smith con il vero Chris Gardner sul set di La ricerca della felicitàSenza dubbio il lavoro fatto sul romanzo di Chris Gardner è notevole, con tutti gli eccessivi sentimentalismi messi a tacere e tutta la patina caramellosa di parabola edificante troncata in più punti. A dare man forte a questa operazione c’è la prova maiuscola di Will Smith: serio e misurato come mai prima, vero e proprio alter ego al contrario dei vari Accorsi e Santamaria utilizzati in patria dal regista. E sebbene alcune cose non quadrino alla perfezione (la moglie mal sviluppata e con Tandie Newton non del tutto in parte) con troppe conversioni a stelle e strisce (Andrea Guerra compone una partitura troppo simile, nelle sonorità, a quella di Thomas Newman per American Beauty), non si può non rimanere colpiti dalla forza emotiva di molte scene, come quella del bagno pubblico, camera da letto di sogni ed incubi, infantili e adulti, che ci portano a considerare Muccino un bravo filmaker internazionale, la cui strada prende direzioni sempre più lontane dall’Italia.


La locandina di La ricerca della felicitàTitolo: La ricerca della felicità (The Pursuit of Happyness)
Regia: Gabriele Muccino
Sceneggiatura: Steve Conrad
Fotografia: Phedon Papamichael
Interpreti: Will Smith, Jaden Smith, Thandie Newton, Brian Howe, James Karen, Dan Castellaneta, Kurt Fuller, Takayo Fischer, Kevin West, George Cheung, David Michael Silverman, Domenic Bove, Geoff Callan, Joyful Raven
Nazionalità: USA, 2006
Durata: 1h. 57′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.