Stai leggendo:

"La sicurezza degli oggetti" di Rose Troche

28 novembre 2002 Recensioni 0 Commenti
Luciana Morelli, 28 Novembre 2002: Deprimente
Mikado, 29 Novembre 2002

Le vicende di quattro famiglie in un sobborgo residenziale statunitense, turbate dai legami più o meno morbosi instaurati con gli oggetti, fonti di sicurezze e a volte di insicurezze talmente grandi da far perdere il senso della realtà. Oggetti che non hanno sentimenti né pretese, che non chiedono mai nulla in cambio…


Tratto da 7 racconti della famosa raccolta di A.M. Homes dall’omonimo titolo, La sicurezza degli oggetti è il nuovo film di Rose Troche, regista e sceneggiatrice di Go Fish e Camere e corridoi, che stavolta torna sul grande schermo con una pellicola più corale delle precedenti e che, oltre ad essere ispirata al libro di cui sopra, è anche in parte autobiografica. La Troche ha preso questi 7 racconti, molto diversi tra loro e ambientati in epoche diverse, li ha modificati e alcuni fusi insieme tirandone fuori un’unica storia, purtroppo confusa e piuttosto arruffata.

Difficile non collegare questo film ad American Beauty, facendo ovviamente i dovuti paragoni stilistici. Anche qui la fanno da padroni l’infelicità che deriva dalla presa di coscienza di essere il contrario di come vorremmo essere e il momento in cui ci rendiamo conto che la vita che viviamo in realtà non ci appartiene. Anche qui si affrontano le difficoltà nei rapporti affettivi e si mostra come questi, talvolta esasperati all’estremo, sfocino nel grottesco. Certo, ha ammesso la regista durante la conferenza stampa, «tutte queste situazioni del privato dei personaggi, messe insieme, fanno apparire il film piuttosto surreale, ma prese singolarmente non sono altro che situazioni normalissime che ognuno di noi nella sua vita, lontano da occhi indiscreti, ha vissuto più di una volta. Anzi, quelle che accadono nella realtà sono anche molto peggio di quello che avete visto…».

Insomma, alla fine del film si ha come un senso di abbattimento psicologico: troppe cose messe insieme non ti danno il tempo di riflettere su ciò che stai vedendo, a tratti si ride sotto i baffi e a tratti si avrebbe voglia di alzarsi e uscire vista la deprimente banalità in cui scade la storia. Forse, con qualche accorgimento il film avrebbe potuto essere molto più scorrevole e interessante, ma è invece un vero mattone sulla testa nonostante un cast di tutto rispetto.


Titolo: La sicurezza degli oggetti (The Safety of Objects)
Regia: Rose Troche
Sceneggiatura: Rose Troche
Fotografia: Enrique Chediak
Interpreti: Glenn Close, Dermot Mulroney, Jessica Campbell, Patricia Clarkson, Joshua Jackson, Kristen Stewart, Mary Kay Place, Robert Klein, Timothy Olyphant, Alex House, Charlotte Arnold, Moira Kelly, Andrew Airlie, Stephanie Mills
Nazionalità: USA – Regno Unito, 2002
Durata: 2h.


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)