Stai leggendo:

"Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano" di François Dupeyron

28 agosto 2003 Recensioni 0 Commenti
Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano

Lucky Red, 29 Agosto 2003 – Garbato

Un ragazzino di 13 anni vive alla periferia di Parigi, abbandonato a se stesso dal padre fuggitivo. Il ragazzo si affida allora alle cure e ai saggi consigli dell’arabo che gestisce la drogheria sotto casa, scoprendo grazie a lui che la vita non è necessariamente triste…


Pierre Boulanger e Omar SharifSe avete una qualunque forma di pregiudizio politico, religioso o razziale, questa pellicola finirà per rinforzare la vostra posizione. In ogni altro caso, Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano saprà emozionarvi con una storia intensa narrata e recitata benissimo.

Tratto dall’omonimo racconto di Eric-Emmanuel Schmitt, il film ci propone tanti bei dialoghi – spesso illuminanti – ed una situazione curiosa e non banale. E’ quasi un peccato che il film sia ambientato negli anni ’50, perché la storia è attualissima anche se alcuni passaggi narrativi nel mondo d’oggi non avrebbero funzionato.

Omar Sharif e Pierre BoulangerIl rapporto tra i due protagonisti è raccontato con delicatezza e brio e la differente visione del mondo che loro hanno traspare non solo dal contrasto delle loro religioni («Cosa vuol dire essere ebrei? Per mio padre vuol dire essere sempre arrabbiato, per me non poter fare un sacco di cose che vorrei fare») ma dal diverso atteggiamento che tengono nei confronti degli altri. Il film diventa così un lungo viaggio iniziatico alla scoperta delle cose che davvero contano nella vita («Quando si vuole imparare qualcosa non si legge un libro: si parla con qualcuno»), e anche se alla fine sembra di trovarsi di fronte ad un’apologia del Corano non sarebbe corretto tacciare il film di “buonismo” o sottovalutarne l’impatto emotivo.

Un ottimo modo per celebrare il Leone d’oro alla carriera, a dir la verità un po’ esagerato, dato ad un ottimo Omar Sharif a Venezia 2003


Titolo: Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano (Monsieur Ibrahim et les fleurs du Coran)
Regia: François Dupeyron
Sceneggiatura: François Dupeyron
Fotografia: Remy Chevrin
Interpreti: Omar Sharif, Pierre Boulanger, Gilbert Melki, Lola Naymark, Isabelle Renauld, Anne Suarez, Mata Gabin, Celine Samie, Isabelle Adjani, Guillaume Galliene, Daniel Znyk
Nazionalità: Francia, 2003
Durata: 1h. 34′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.