Stai leggendo:

"My name is Tanino" di Paolo Virzì

9 giugno 2003 Recensioni 0 Commenti
My name is Tanino

Medusa, 30 Maggio 2003 – Agrodolce

Tanino è un giovane siciliano che si innamora, apparentemente ricambiato, di una turista statunitense. Dopo un esame sbagliato all’università, Tanino fugge dall’Italia per evitare il servizio militare, e va in America a trovare la ragazza, trovandosi però di fronte ad una realtà molto diversa da quella che si aspettava…


Corrado Fortuna in My name is TaninoEsce nelle nostre sale My name is Tanino, l’opera più recente di Paolo Virzì, rappresentante dell’ultima leva di registi italiani, già noto per il suo Ovosodo. Ritratto agrodolce della vita di un giovane simile a tanti di noi, con i sogni, le incertezze, le domande alle quali non sempre si riesce a trovare risposte, questo film è un viaggio tra la terra abbandonata da tutti della nostra Sicilia, l’America sognata dell’amore e del cinema e quella reale della ricca borghesia conservatrice e della mafia, ed una Roma dove puoi vedere la Fontana di Trevi ed il Colosseo dalla stessa finestra.

Jessica De Marco e Corrado Fortuna in una scena di My name is TaninoTanino si muove in questo immenso continente con il suo inglese un po’ stentato, ripetendo a tutti quelli che glielo chiedono che sì, è la prima volta che viene in America, che è bella ma fuori è freddo, che a Roma c’è un sacco di traffico, ma è wonderful. L’impressione che ne ricaviamo è che il protagonista non si trovi a suo agio in nessuno dei luoghi in cui passa: odia Castelluzzo e la sua chiusura; non sa vivere a Roma dove è uno studente fallito; non sa affrontare l’America sotto nessuno dei suoi aspetti, ed alla fine non è nemmeno capace di comportarsi come un vero opportunista cacciatore di dote! Solo alla fine del film appare un momento di decisione, di speranza per la realizzazione del sogno di Tanino.

Rachel McAdams in una scena di My Name is TaninoInterpretato ottimamente da un Corrado Fortuna che regge bene sia i momenti comici che quelli più intensi e dal resto del cast (in particolare Jessica De Marco nella parte della straripante Angelina), con una bella colonna sonora, una fotografia di buon livello ed alcune originali intuizioni di regia, My name is Tanino, pur con alcune cadute di tono, promette quello che mantiene: un paio d’ore di buon cinema, divertenti ma che ti fanno anche riflettere, e non è cosa da tutti.


La locandina di My name is TaninoTitolo: My name is Tanino
Regia: Paolo Virzì
Sceneggiatura: Francesco Bruni, Francesco Piccolo, Paolo Virzì
Fotografia: Arnaldo Catinari
Interpreti: Corrado Fortuna, Rachel McAdams, Jessica De Marco, Frank Crudele, Mary Long, Beau Starr, Lori Hallier, Danielle Bouffard, Barry Flatman, Robert Bockstael, Licinia Lentini, Domenico Mignemi
Nazionalità: Italia, 2002
Durata: 1h. 40′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.