Stai leggendo:

"Nanny McPhee - Tata Matilda" di Kirk Jones

10 aprile 2006 Recensioni 0 Commenti
Nanny McPhee - Tata Matilda

Eagle Pictures, 7 Aprile 2006 – Divertente

I sette figli che compongono la famiglia Brown sono i bambini più cattivi al mondo. Il loro amorevole padre vedovo ha il suo bel daffare nell’accudire i figli e lavorare lunghe ore in un’agenzia di pompe funebri, e continua a sentirsi dire che la tata di cui ha bisogno è una certa Nanny McPhee…


Emma Thompson e Sam Honywood in una scena di Nanny McPhee - Tata MatildaIn principio c’era una leziosa e canterina governante con il visetto angelico e rassicurante (poi splendidamente ambiguo sotto le mani esperte del marito Blake Edwards in Victor/Victoria) di Julie Andrews. Con un po’ di zucchero la pillola va giù, parola di Mary Poppins, la governante che tutti i bambini di prima della Playstation avrebbero voluto avere. Oggi c’è una nuova governante, brutta e spocchiosa, che riuscirà a domare gli indomiti figli di un pacioso vedovo nell’Inghilterra vittoriana. Si sa che l’abito non fa il monaco e sotto le spoglie della governante/strega si cela il cuore e l’animo di una fata uscita dalla terra di Oz, che porterà amore e pace nella casa del signor Brown. Dopo la piacevole invasione di Harry Potter e quella mitica e religiosa delle Cronache di Narnia, il cinema per i più piccoli acquista una nuova icona: Nanny MacPhee.

Tratto dal libro per bambini Tata Matilda scritto da Christianna Brand, il film è stato sceneggiato da Emma Thompson, che si dimostra nuovamente artista estremamente versatile. Se la sua trasposizione del romanzo di Jane Austen Ragione e Sentimento era puntuale e ricca dello spirito ironico della grande scrittrice, questa sua nuova fatica è spumeggiante e fantasiosa come non mai, ricca di trovate esilaranti e di una acuta caratterizzazione dei personaggi, soprattutto dei bambini. Merito della maternità della Thompson? Non si sa e, francamente, non importa quando si assiste a uno spettacolo così godibile come questo, dove i buoni sentimenti non sfociano mai nella melassa disneyana, ma vanno via via raffreddandosi in un insieme inquietante e intoccabile, proprio come l’infanzia.

Emma Thompson in Nanny McPhee - Tata MatildaColin Firth è decisamente in parte, Angela Lansbury è spassosissima, Derek Jacobi e Imelda Staunton sfoderano le loro doti come al solito. E poi c’è proprio Emma Thompson. È inutile, l’ex signora Branagh può sbagliare film (Immagini) ma mai interpretazione, e questa di Tata Matilda è ottima, diametralmente opposta ma non meno efficace rispetto alla dolente e passionale Miss Kenton di Quel che resta del Giorno.


La locandina di Nanny McPhee - Tata MatildaTitolo: Nanny McPhee – Tata Matilda (Nanny McPhee)
Regia: Kirk Jones
Sceneggiatura: Emma Thompson
Fotografia: Henry Braham
Interpreti: Emma Thompson, Colin Firth, Kelly Macdonald, Thomas Sangster, Eliza Bennett, Jennifer Rae Daykin, Sam Honywood, Raphaël Coleman, Holly Gibbs, Hebe Barnes, Zinnia Barnes, Angela Lansbury, Imelda Staunton, Phyllida Law
Nazionalità: USA – Regno Unito – Francia, 2005
Durata: 1h. 37′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre