Stai leggendo:

"Parole d'amore" di Scott McGehee & David Siegel

26 dicembre 2005 Recensioni 0 Commenti
Gabriele Marcello, 26 Dicembre 2005: Melenso
IIF, 21 Dicembre 2005

In una classica famiglia statunitense, la figlia piccola è una campionessa nelle gare di spelling e si conquista così l’affetto smisurato del padre, l’astio del fratello, e fa cadere in simil-depressione la madre. Ma la bimba, spinta dal padre, deve concorrere alla gara nazionale di spelling…


Ci sono voluti due registi – Scott McGehee e David Siegel – per firmare una delle opere più melense e stupide del 2005, che nemmeno l’appeal degli attori riesce a risollevare dalle basi esigue, pasticciate e diseguali.

La sceneggiatura di Parole d’amore parte male e prosegue peggio, visto che tutti gli sforzi di resa drammaturgica vengono strozzati da quell’atmosfera rarefatta da soap-opera che va spesso in moda nelle produzioni hollywoodiane.
Non basta l’eleganza formale, una bella fotografia e l’atmosfera creata dalla musica per fare un film decente, apprezzabile anche dalle signore amanti delle belle storie tutte buoni sentimenti e lacrime iper facili. Qui suona tutto molto finto fin dall’inizio, e quello che è peggio, nessuno crederebbe mai né alla bravura della bimba né ai dubbi religiosi esistenziali del padre. Troppo effettistico già nella sceneggiatura per poter essere valido sullo schermo, e troppo caramelloso per poter commuovere nel suo essenzialismo kitsch da supermercato.

Eppure il tema di fondo era interessante, ancorché ovvio: più la bambina va incontro a parole difficili, più la sua famiglia si disgrega. Peccato che la difficoltà delle parole non sia proporzionata alla serie di sciagure che si abbattono su questo gruppo di famiglia in interno. A questo problema aggiungiamo anche una punta di misticismo chiaramente posticcio, quello del padre che vede nella bravura della figlia un dono divino, e il quadro è completo.

L’unico motivo che può spingere qualcuno a vedere questo film sono le performance dei due protagonisti, Richard Gere e Juliette Binoche. Purtroppo la robusta esperienza di entrambi si sfrange in maniera misera con l’inconsistenza psicologica dei personaggi che interpretano, complessi sì, ma resi malissimo. E Gere alle prese con le parole mistiche di Dio, più che fascinoso appare ridicolo, mentre la Binoche in passato ha fatto di molto meglio.


Titolo: Parole d’amore (Bee Season)
Regia: Scott McGehee & David Siegel
Sceneggiatura: Naomi Foner
Fotografia: Giles Nuttgens
Interpreti: Richard Gere, Juliette Binoche, Flora Cross, Max Minghella, Kate Bosworth, Corey Fischer, Sam Zuckerman, Joan Mankin, Piers Mackenzie, Lorri Holt, Brian Leonard, Kathy McGraw, John Evans, Alisha Mullally, Olivia Charles
Nazionalità: USA, 2005
Durata: 1h. 44′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.