Stai leggendo:

"Questione di cuore" di Francesca Archibugi

9 aprile 2009 Recensioni 0 Commenti
Questione di cuore

01 Distribution, 17 Aprile 2009 – Convincente

A Roma, durante una notte d’estate, due uomini vengono colti da infarto e ricoverati nello stesso ospedale. Sarà in questa occasione che, accomunati dalla medesima drammatica esperienza, avranno modo di fare amicizia e di conoscere in maniera insolita l’uno la vita dell’altro…


Antonio Albanese e Kim Rossi Stuart in Questione di cuoreSorprende come, quasi fosse una nota fuori dal coro del cinema italiano, Questione di cuore riesca a trattare una vicenda certamente drammatica quale è quella narrata dal film – e tratta dal libro Una questione di cuore di Umberto Contarello – sdrammatizzandola senza però renderla semplicistica. Essenzialmente recitato, senza veri accadimenti oltre l’iniziale evento scatenante la vicenda – ossia l’attacco cardiaco – il film è retto dagli attori che interpretano Alberto e Angelo attraverso i numerosi dialoghi che, fra i due personaggi, prendono corpo insieme alla loro amicizia.

Kim Rossi Stuart, Micaela Ramazzotti, Nelsi Xhemalaj e Andrea Calligari in Questione di cuoreIl caso fa incontrare Alberto e Angelo in ospedale, due uomini diversi fra loro per provenienza sociale, cultura e modo di vivere: sceneggiatore e libertino il primo, carrozziere e padre di famiglia il secondo, legato alla sua borgata romana a differenza di Alberto che invece vi si è trasferito dal Nord. Colpiti dalla stessa esperienza che li ha provati, questi due mondi diversi si incontrano e si uniscono in una ricerca di sostegno, oltre che di comprensione, reciproco fino ad affezionarsi nonostante le evidenti differenze caratteriali. In tal modo, nasce un’amicizia il cui perno è l’ansia e la preoccupazione per le proprie condizioni e per un domani che – ma solamente per uno di loro due – potrebbe essere solo ipotetico; eppure, nonostante questi risvolti dolorosi, l’amicizia assume i toni vivaci dettati dalla vitalità di Alberto soprattutto nella sua interazione con la semplicità di Angelo.

Antonio Albanese e Francesca Inaudi in Questione di cuoreIn uno scambio di ruoli che Angelo cerca di forzare, a sua volta indotto da una valida motivazione – uno scambio di ruoli in realtà univoco, nell’intento di coinvolgere l’amico nella propria vita familiare per una nobile causa – si ha l’impressione che i ruoli siano già stati scambiati a monte. Alberto, esperto sceneggiatore, dovrebbe vivere nell’agiatezza mentre Angelo, più giovane e avvenente, tra i due dovrebbe essere lui il libertino, anziché marito fedele e padre di tre figli. Così come uno scambio di ruoli pare sia avvenuto per l’occasione nelle carriere dei due interpreti: Antonio Albanese, attore comico già apprezzato come interprete drammatico ne La seconda notte di nozze di Pupi Avati, incarna la vivacità di Alberto ma anche le sue fragilità, mentre Kim Rossi Stuart, solitamente interprete di ruoli sofferti, incarna la tragicità di Angelo in modo leggero e a tratti spiritoso. Tuttavia, questo apparente doppio scambio dei ruoli porta a un confronto tra mentalità maschili che, pur nelle loro differenze, si comprendono scontrandosi invece con quelle femminili. Ed è in questi momenti che il film abbraccia altre direzioni diverse dalla tematica principale – comunque sempre presente – come la riflessione sulle gioie e sui dolori della famiglia sia per chi ne ha una che per chi invece vorrebbe costruirla, pur al contempo rifuggendone.

Kim Rossi Stuart e Antonio Albanese in Questione di cuoreAttraverso la figura di Alberto, il film è quasi metacinematografico in quanto svela i meccanismi della sua professione non tanto dal punto di vista tecnico quanto da quello narrativo, facendo del personaggio una sorta di “indovino” – così come viene definito – che in realtà intuisce le storie delle vite altrui per mestiere ma soprattutto per vocazione. Infine, qualche esempio di montaggio parallelo è in linea con la narrazione iniziale delle vite parallele di Alberto e di Angelo, accennate quanto basta per delineare i rispettivi contesti familiari e per tratteggiare i rispettivi caratteri, parallelismo che poco dopo muterà in una convergenza delle loro vite fino al tentato scambio univoco di ruoli.

Protagonista insieme ai due personaggi principali è la città di Roma, esplorata nel quartiere del Pigneto nel quale la vicenda è ambientata e nei personaggi caratteristici che la animano, con l’intenzione – dichiarata dalla stessa regista – di restituire una parte di Roma così come non si è più vista specie al cinema ma, allo stesso tempo, così come è rimasta nell’immaginario non solo degli italiani.


La locandina di Questione di cuoreTitolo: Questione di cuore
Regia: Francesca Archibugi
Sceneggiatura: Francesca Archibugi
Fotografia: Fabio Zamarion
Interpreti: Antonio Albanese, Kim Rossi Stuart, Micaela Ramazzotti, Francesca Inaudi, Andrea Calligari, Nelsi Xhemalaj, Chiara Noschese, Paolo Villaggio
Nazionalità: Italia, 2008
Durata: 1h. 40′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre