Stai leggendo:

Soundtrack: "Tartarughe Ninja" di Brian Tyler

9 novembre 2015 Soundtrack 0 Commenti
Tartarughe Ninja

Francesco Carbonaro, in collaborazione con Colonne Sonore* * *

La partitura di Brian Tyler per Tartarughe Ninja è in diretta continuità con la direzione assunta da un certo tipo di musica da film, che gioca prepotentemente sulla grandiosità dell’orchestrazione e sulla “facilità” del tema, che non a caso è il protagonista assoluto dello score…


Negli ultimi anni si è sviluppato un sottogenere particolarmente prolifico all’interno del campo delle colonne sonore: sempre più si è diffuso un modo di fare musica per film che si basa sull’orecchiabilità, sul ritmo che tende a catturare l’ascoltatore. Si potrebbe parlare di una componente commerciale che tende a far leva sull’epicità della musica e sulla “facilità” di ascolto. Iniziatore di questa nuova direzione può sicuramente considerarsi Hans Zimmer e la sua scuola. Brian Tyler percorre gli stessi passi che hanno fatto la fortuna del maestro Zimmer e di altri autori come Harry Gregson-Williams o Ramin Djawadi.

Su questo versante Tyler elabora la partitura per il film dedicato alle tartarughe ninja; a partire già dal primo brano “Teenage Mutant Ninja Turtles” nel quale viene esposto il tema principale in una forma latente, che presto lascia il posto alla sua riproposizione accompagnata dal coro in una forma molto più maestosa e con un’orchestrazione tipicamente zimmeriana e massiccia. Nel secondo brano “Adolescent genetically altered shinobi terrapins” vi è una medesima riproposizione che però viene seguita da poche note al piano che, sostanzialmente, racchiudono il lato più «emotivo» dello score. Dal carattere più propriamente zimmeriano è il brano “Splinter vs. Shredder” con un uso del coro che tende a creare proprio una magniloquenza di esecuzione e a rendere sempre più maestosa l’esecuzione del tema del «malvagio» nel quale interviene un coro di voci basse. Su una medesima linea prosegue “Origins” mentre di carattere diverso appare il brano “Brotherhood” nel quale una linea melodica, eseguita da archi, sembra dispiegarsi lungo un tessuto musicale particolarmente frastagliato e massiccio. Un analogo discorso musicale prosegue nel brano “Turtles united” nel quale troviamo oltre al Leitmotiv principale il profilarsi di quello del «malvagio» che in “The foot clan” serpeggia in maniera costante, caratterizzato da una orchestrazione che fa leva sugli strumenti più «bassi». “Project Renaissance”, insieme al successivo “Shortcut” costituiscono probabilmente i brani più riusciti; in essi troviamo un discorso musicale più articolato che permette alla musica di esprimersi al meglio, da una parvenza di sonorità orientale si passa alla presenza di un piano (già ascoltato in precedenza) che precede l’esposizione maestosa del tema il quale, tuttavia, rimane in sospeso.
I pezzi successivi, da “Shredder” a “Cowabunga”, da “99 cheese pizza” a “Adrenalina”, si situano su una medesima situazione musicale che tende a far leva su un ampio uso di ottoni e fiati che creano una confusione musicale sulla quale si innestano i due leitmotiv principali che creano un andamento movimentato e particolarmente coinvolgente. Diverso il discorso per “Buck buck” nel quale vi è una conclusione di archi e fiati che dovrebbero segnare il momento conclusivo della partitura; tuttavia ancora una volta Tyler espone il tema delle tartarughe ninja il quale viene ripreso per l’ultimissima volta in “TMNT march” che costituisce una sorta di brevissima suite.

La partitura di Tyler risulta, dunque, in diretta continuità con la direzione assunta da un certo tipo di musica da film che gioca prepotentemente sulla grandiosità dell’orchestrazione e sulla “facilità” del tema che, non a caso, è protagonista assoluto della partitura di Tartarughe Ninja, ripreso più e più volte come se esso fosse un riempitivo. La OST, infatti, soffre di una durata eccessiva soprattutto considerando i pochi elementi che ne costituiscono il tessuto. Tuttavia, questo non elide il pregio di una musica coinvolgente, facile e commerciale.


La copertina del CDTitolo: Tartarughe Ninja (Teenage Mutant Ninja Turtles)

Compositore: Brian Tyler

Etichetta: Atlantic Records, 2014

Numero dei brani: 17

Durata: 72′ 35”


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.