Stai leggendo:

“Speed” di Jan de Bont

5 ottobre 2003 3 Commenti
Alberto Cassani, 5 Ottobre 2003: Adrenalinico
20th Century Fox

Un dinamitardo mette una bomba su un autobus, che esploderà se la velocità del bus scende al di sotto delle 60 miglia all’ora. Tenere una simile velocità nel traffico di Los Angeles è tutt’altro che facile, e a risolvere la situazione ci prova un poliziotto che è andato vicino alla cattura dell’uomo già una volta…


Pellicola d’azione frenetica, questo esordio registico del bravo direttore della fotografia olandese Jan de Bont. Speed è un film che gira a mille all’ora fin dalla prima sequenza e non sembra voler dar modo allo spettatore di tirare il fiato fino a quando non è finita l’ultima scena. Fino a che non è davvero finita.

Tante parole furono spese all’epoca dell’uscita della pellicola per cercare di capire le ragioni del suo successo. La ricetta è in realtà piuttosto semplice: in un momento in cui i maggiori introiti dell’industria cinematografica statunitense arrivano dai teen-ager, i quali vanno al cinema quasi solamente con lo scopo di divertirsi, un action-movie adrenalinico e ben curato come questo non può non finire in cima alla lista di cose da vedere dei ragazzi made in USA.

Scritto da Graham Yost con la giusta dose di ironia e un occhio perfetto per la costruzione della suspense, il film si avvale di sequenze d’azione girate e montate benissimo (tranne per la scena del salto, clamorosamente finta) e di un gruppo di attori perfettamente in parte che si sono evidentemente divertiti molto durante le riprese.

È un film vuoto, certo; è un esempio perfetto del tipo di prodotti che Hollywood è solita sfornare, ossia film d’intrattenimento. Ma questo non è un difetto, lo sarebbe solo che fosse un cattivo film d’intrattenimento. Invece, Speed è puro spettacolo cinematografico. Un bersaglio centrato in pieno. L’unico, nella carriera registica di Jan de Bont.


Titolo: Speed (Id.)
Regia: Jan de Bont
Sceneggiatura: Graham Yost
Fotografia: Andrzej Bartkowiak
Interpreti: Keanu Reeves, Dennis Hopper, Sandra Bullock, Jeff Daniels, Joe Morton, Alan Ruck, Glenn Plummer, Beth Grant, Richard Lineback, Hawthorne James, Carlos Carrasco, David Kriegel, Natsuko Ohama, Daniel Villareal, Margaret Medina
Nazionalità: USA, 1994
Durata: 1h. 56′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.

Attualmente ci sono 3 commenti a questo articolo:

  1. Riccardo scrive:

    D’accordo con la recensione tranne nell’ultima frase.
    Insomma, anche Twister non era male.

  2. Sebastiano scrive:

    “L’autobus che andava speedito”

  3. Alberto Cassani scrive:

    Secondo me “Twister” era una boiata colossale.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 10 al 13 aprile

Siti utili