Stai leggendo:

Terra bruciata! di Luca Gianfrancesco

24 aprile 2018 Recensioni 0 Commenti
Terra bruciata!

Istituto Luce Cinecittà, 25 Aprile 2018 – Realistico

La mattina del primo novembre 1943, a Conca della Campania, un minuscolo borgo della provincia di Caserta, 19 civili sono trucidati da una pattuglia di militari tedeschi. Graziella Di Gasparro, figlia di uno dei caduti, lotta da anni per tener viva la memoria di quell’eccidio dimenticato…


A volte il documentario può essere un’arma a doppio taglio perché, spesso, il suo compito didattico risucchia in maniera fagocitante la vera essenza dello spettacolo che attira spettatori in sala e che racconta una storia con tutti i crismi e con quelle modalità che solo il cinema può offrire. Con Terra bruciata! – Il laboratorio italiano della ferocia nazista dimentichiamoci esempi come Fuocoammare di Gianfranco Rosi – ottimo documentario anche se freddo – e pensiamo a quei film di guerra sullo stile di Nanni Loy o Gillo Pontecorvo, come Le quattro giornate di Napoli oppure La Battaglia di Algeri, perché questo è in parte il risultato ottenuto da questa docufiction, girata con un budget quasi inesistente ma con una cura e una passione fuori dall’ordinario.

Il regista, Luca Gianfrancesco, non ha paura di sbagliare e rischia come pochi, cercando la difficile impresa di unire una parte puramente fiction con quella squisitamente documentaristica, fatta di continue interviste. Se quest’ultima ha una cura per la fotografia e per il montaggio non indifferente e di gran classe, sorprende in maniera straordinaria il forte senso cinematografico che il regista riesce a dare nelle parti di finzione, che hanno ritmo, concitazione e anche quella giusta dose di passione che sono alla base del racconto filmico.

Terra bruciata! è, quindi, un bellissimo ibrido tra quello che viene raccontato e quello che si vede, supportato da una fotografia smagliante, da bravi attori in parte e – soprattutto – da un desiderio non comune e necessario di voler ricordare qualcosa che non può passare inosservato. In un paese come il nostro, che ha l’abitudine di dimenticare tutto subito, questo tassello legato alla Seconda Guerra Mondiale può risultare estraneo a molti, ed è necessario ricordare anche quello che è accaduto in zone che, ancora oggi, vengono dimenticate. Terra bruciata! è un docufilm che andrebbe visto e che dovrebbe essere mostrato anche nelle scuole, per il suo profondo valore etico e storico, oltre che per il piacere di un film particolare e fuori dal comune.


La locandinaTitolo: Terra bruciata! – Il laboratorio italiano della ferocia nazista
Regia: Luca Gianfrancesco
Sceneggiatura: Luca Gianfrancesco
Fotografia: Luca Gianfrancesco
Interpreti: Antonio Pennarella, Paola Lavini, Mino Sferra, Arturo Sepe, Antonello Cossia, Lucianna De Falco, Vincenzo Iulianiello, Graziella Di Gasparro, Andrea Maccarone, Ziva Modiano, Elena Valente, Carlo Gentile
Nazionalità: Italia, 2018
Durata: 1h. 30′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento








Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].