Stai leggendo:

"Welcome" di Philippe Lioret

10 dicembre 2009 Recensioni 0 Commenti
Emanuele Rauco, 12 Novembre 2009: Interculturale
Teodora, 11 Dicembre 2009

Bilal è un ragazzo curdo che deve andare in Inghilterra per lavoro e per amore, ma al porto di Calais si scontra con le dure leggi francesi contro la migrazione clandestina. Un insegnante di nuoto gli dà una mano, logisticamente e insegnandogli a nuotare per attraversare la Manica…


Come sembra chiaro, aprendo un po’ gli occhi e leggendo i giornali, l’Europa veleggia all’apparenza indolente verso una sorta di neo-razzismo e xenofobia che striscia dai suoi abitanti ed esplode fino ai suoi governanti. Così, dai regolamenti sull’immigrazione al blocco dei minareti si passa per una legge francese secondo la quale chi aiuta, in ogni modo, un clandestino, è passibile di carcere fino a cinque anni. Da qui, da questo rigurgito di collaborazionismo, parte Philippe Lioret per il suo settimo film, tutto ambientato su quel crogiolo e passaggio per l’Inghilterra che è il porto di Calais.

Un dramma civile e umano, ma anche storia d’amore e d’amicizia, che la sceneggiatura del regista con Emmanuel Courcol e Olivier Adam rende un prodotto a metà strada tra il cinema post-coloniale e il racconto impegnato.

Riflettendo sui concetti di solidarietà e ospitalità (l’ironica inquadratura dello zerbino del vicino di casa), il film si centra su alcuni motivi e concetti cardine dei quali indaga le diversità in senso etnico e culturale: il valore dell’acqua, il contatto della pelle, il respiro – quello per nuotare e quello attraverso una busta per non farsi scoprire – e soprattutto la metafora della testa abbassata, per l’insegnante di nuoto il suo punto debole, sintomo di una personalità debole, ma per Bilal l’unico modo per poter scappare dai persecutori e arrivare alla sua metà. Opposizioni che trovano sbocco anche cinematografico nel bel montaggio alternato tra i protagonisti mentre il ragazzino cerca di realizzare la sua impresa.

Unico neo di un film solido, necessario, intelligentemente concepito è la scelta di rendere protagonista – nonostante il nucleo drammaturgico – il personaggio occidentale, mossa utile per l’identificazione dello spettatore ma che limita le capacità di analisi anche filmica dei temi scelti. Per contro, proprio la costruzione di Simon è degna di menzione, essendo un personaggio forte, intenso, convincente, che sa tenere il polso della vicenda anche al di là delle capacità di Lioret, onesto fautore di un cinema d’impatto sociale (e infatti le polemiche in patria non sono mancate), abbastanza intelligente da plasmare un personaggio così sulle fattezze quotidiane e vivide di un ottimo Vincent Lindon. Qualcuno ha azzardato il paragone con Jean Gabin: troppa grazia, forse, ma rende l’idea.


Titolo: Welcome (Id.)
Regia: Philippe Lioret
Sceneggiatura: Olivier Adam, Emmanuel Courcol, Philippe Lioret
Fotografia: Laurent Dailland
Interpreti: Vincent Lindon, Firat Ayverdi, Audrey Dana, Derya Ayverdi, Thierry Godard, Selim Akgül, Firat Celik, Murat Subasi, Olivier Rabourdin, Yannick Renier, Mouafaq Rushdie, Behi Djanati Atai, Patrick Ligardes, Jean-Pol Brissart
Nazionalità: Francia, 2009
Durata: 1h. 50′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.