Stai leggendo:

"Yes Man" di Peyton Reed

7 gennaio 2009 Recensioni 12 Commenti
Annalisa Liberatori, 7 Gennaio 2009: Sorridente
Warner, 9 Gennaio 2009

Carl è in crisi, poi decide di aderire a un programma basato sull’impegno di dire sempre sì a tutto. Il potere del sì, una volta scatenato, trasforma la vita di Carl in modo straordinario e inaspettato, facendogli ottenere promozioni sul lavoro e aprendo le porte a una nuova storia d’amore…


Come vincere la frustrazione di una vita senza emozioni? Basta dire sempre sì. Peyton Reed, nel suo ultimo film, ci propone questa generosa filosofia come vero rimedio per tutti gli apatici e insoddisfatti della vita: Yes man. Jim Carrey ne diventa vero seguace. E’ lui il protagonista assoluto di questa pellicola: con la sua classica faccia di gomma e la sua mimica da slapstick ci catapulta direttamente in questa nuova era del sì.

Reed ci propone una commedia travolgente, a tratti esilarante, ispirata ad un libro autobiografico di Danny Wallace, che racconta apertamente di essere stato protagonista di una vicenda di questo genere. Ma è proprio la fisicità di Carrey e il suo modo di esprimersi che portano la comicità a un livello superiore. A due anni dal thriller Number 23, in cui dimostra grande abilità anche nei panni di attore drammatico, Jim Carrey torna sui grandi schermi con una carica ancora più esplosiva: veste benissimo i panni dell’abulico in via di guarigione, con una divertentissima interpretazione, spesso fuori di testa ma mai veramente eccessiva. «Volevo che il film avesse uno stile che bilanciasse quello che Jim fa a livello comico e quello che fa nel suo lavoro più serio – spiega il regista – uno stile che avrebbe permesso al personaggio di essere divertente quanto solo Jim sa esserlo, ma anche con i piedi per terra».

Alcune scene sono fantastiche e meritano menzione: la “corsa fotografica” con Allison e gli altri jogger, in cui Carl è tenuto su a forza di Red Bull, dove comincia a chiacchierare a ritmo serrato e con la stessa frenesia comincia a correre più veloce di tutti, per poi ritrovarsi svenuto a terra subito dopo; il tentato suicidio del coreano, che Carl risolve a suon di chitarra; la corsa in moto, in camice di ospedale, che lascia intravedere il lato più “oscuro” del nostro motociclista; il salto col bungee jumping, realmente eseguito da Carrey, che dimostra oltre a un grande coraggio anche una gran prontezza di spirito nel tirare fuori il suo cellulare e dire le battute che doveva, penzolando a testa in giù; tutto di un’ esaltante verve comica.

La regia è tendenzialmente classica, con prevalenza di campi-controcampi e campi medi, a parte l’eccezione del primo piano iniziale della faccia di Carl, per non svelare subito il luogo in cui si trova realmente. Pochi movimenti di macchina, a parte l’unica panoramica che si ha nell’Hollywood Bowl dove è ambientata la scena più romantica di tutto il film.

La morale della storia è semplicemente carpe diem, bisogna saper cogliere le opportunità che la vita offre. Jim Carrey , in un’intervista su questo suo ultimo lavoro, afferma: «In genere non sono le cose cui diciamo sì che rimpiangiamo; è quando diciamo no che ci guardiamo indietro e pensiamo: “Ah, avrei potuto vivere un po’di più!”».


Titolo: Yes Man (Id.)
Regia: Peyton Reed
Sceneggiatura: Nicholas Stoller, Jarrad Paul, Andrew Mogel
Fotografia: Robert D. Yeoman
Interpreti: Jim Carrey, Zooey Deschanel, Bradley Cooper, John Michael Higgins, Rhys Darby, Danny Masterson, Fionnula Flanagan, Terence Stamp, Sasha Alexander, Molly Sims, Brent Briscoe, Rocky Carroll, John Cothran Jr, Spencer Garrett
Nazionalità: USA, 2008
Durata: 1h. 44′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 12 commenti a questo articolo:

  1. Edoardo scrive:

    L’ho trovato un film carinissimo,divertente da morire,e con una bella morale. Carrey è stato bravissimo,ha condito il film di momenti a dir poco esilaranti (molte scene secondo me le ha improvvisate). Peyton Reed ha dato una buona prova registica (altro che quella schifezza di “Ragazze nel pallone”) e gli sceneggiatori hanno trovato una storiella leggera ma davvero gradevole e simpatica,e che ha un fondo di verità.
    Il personaggio è perfetto per Carrey,non è diverso da molti dei personaggi che l’attore ha interpretato in passato (Se in “Bugiardo Bugiardo” diceva sempre bugie e poi si è ritrovato costretto a dir sempre la verità,qui invece diceva sempre no e si è trovato costretto a dir sempre si…),ed è adorabile il personaggio di Zooey Deschanel.
    Bravo come al solito anche Terence Stamp. Che dire: Yes Man è un film carino da gustare in compagnia,niente di straordinario,ma sicuramente un prodotto valido,per nulla noioso e molto allegro.

    A te Alberto è piaciuto?

  2. di jim carrey vi consiglio the majestic
    in quel film recita non in modo comico ma drammatico
    e poi alla regia c’è frank darabont,il regista di le ali della libertà e il miglio verde.

  3. Edoardo scrive:

    L’ho visto,molto bello,Carrey ha recitato magistralmente.

  4. Riccardo ( ex Mickey Rourke ) scrive:

    Non sono Alberto Cassani, ma rispondendo ad Edoardo, l’ho trovato anch’io un film carino, simpatico e divertente, oltre che originale.
    Però diciamo che Bugiardo Bugiardo non è proprio una commedia come questa.
    Diciamo che è un film drammatico con contesti comici. Però Bugiardo Bugiardo l’ho trovato più morale ed intenso.

  5. Riccardo ( ex Mickey Rourke ) scrive:

    Yes Man invece è più divertente e spericolato.

  6. Alberto Cassani scrive:

    Io questo non l’ho visto, ma in generale Peyton Reed ha sempre fatto film orrendi. Questo sarà un’eccezione che gli è venuta male…

  7. Edoardo scrive:

    Si,anch’io pensavo che questo film fosse una schifezza,visti i precedenti di Peyton Reed…Invece è tutt’altro.

  8. Marco scrive:

    Albe che ne pensi di Ace Ventura? Ha segnato sicuramente la carriera di Carrey ma io, entrambi i film, li ho trovati geniali e strepitosi proprio grazie a Carrey.
    Sicuramente papprezzeranno di più quelli che sono cresciuti con questi film, un ragazzo vedendoli adesso non gli potranno piacere più di tanto a parer mio, a meno che non sia un vero e proprio fan di Carrey…

  9. Alberto Cassani scrive:

    Li ho visti tutti e due al cinema. Il primo è straordinario, ma secondo me il secondo è davvero pessimo.

  10. Riccardo scrive:

    Pensate che Ace Ventura lo stanno trasmettendo ora su LA7

  11. Guido scrive:

    Leggero, banale ma molto divertente. E poi, che bella Zooey Deschanel…. :)

  12. Marco scrive:

    D’accordissimo. Molto bello e divertente. Uno dei migliori ultimi di Carrey.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.