Stai leggendo:

"Yokai Daisenso" di Takashi Miike

4 settembre 2005 Recensioni 0 Commenti
Paola Cavallini, 4 Settembre 2005: Profondo
Inedito in Italia

Tadashi è un bambino di dieci anni che durante una festa tradizionale viene nominato Cavaliere del Kirin e incaricato di mantenere la Pace e la Giustizia nel mondo. Convinto di non potercela fare, impugnerà comunque la Spada Magica per combattere il terribile Yomotsumono…


Takashi Miike, che ci ha abituato in questi anni a produzioni sempre molto forti, splatter addirittura – Ichi the Killer, Izo, Audition – porta sugli schermi per la prima volta una vera e propria fiaba, adatta sia ai grandi che ai più piccoli (anche se non la consiglierei ai piccolissimi). La prima cosa davvero interessante di questo film è la sua idea di fondo: il perfido Yomotsumono fonda il suo enorme potere sulla rabbia che gli oggetti usati e gettati dagli uomini hanno sviluppato nei nostri confronti proprio per quest’inutilità. Una prospettiva nuova sotto la quale inquadrare i problemi dell’inquinamento e dello sfruttamento indiscriminato delle risorse del nostro pianeta. Vecchi macchinari, insegne luminose, ruote e quant’altro avvertono l’ingiustizia di un utilizzo troppo breve e si ribellano. Il terribile connubio tra i poveri Yokai rapiti e questi oggetti creerà dei mostri che punteranno alla distruzione dell’umanità, e che solo Tadashi potrà arrestare.

Il film è ricchissimo di spunti, tanto che per comprenderlo meglio sarebbe consigliabile una seconda visione, anche perché risulta spesso difficile, per lo spettatore digiuno di cultura orientale, comprendere la valenza simbolica delle figure coinvolte. Che cosa rappresentino per la mitologia orientale il Coboldo, il Kirin, il piccolo Sunekosuri, la Fata della Neve, la Fata del Fiume, i Contatore di fagioli non ci è dato saperlo, ma una cosa è certa: Miike Takashi ha confezionato una splendida fiaba, una vicenda forse a volte prevedibile – ma quale vera fiaba non lo è un po’ – ricca di personaggi divertenti, drammatici, a volte anche spaventosi, che ha tutte le carte in regola per piacere anche al pubblico occidentale. Amicizia, lealtà, dovere, rispetto, odio, disperazione, codardia, incertezza sono dosati al punto giusto per mandarci un messaggio davvero importante: anche davanti al rischio più grande, anche nei momenti in cui pensiamo di non potercela fare davvero, solo una cosa può sempre venire in nostro soccorso, ed è l’Amore.


Titolo: Yokai Daisenso
Regia: Takashi Miike
Sceneggiatura: Hiroshi Aramata
Fotografia: Hideo Yamamoto
Interpreti: Ryunosuke Kamiki, Hiroshi Aramata, Kiyoshiro Imawano, Chiaki Kuryama, Masaomi Kondo, Natsuhuko Kyougoku, Hiroyuki Myasako, Sakeyama Saamon, Bunta Sugawara, Mai Takahashi, Naoto Takenaka, Etsushi Toyokawa
Nazionalità: Giappone, 2005
Durata: 2h. 04′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.