Stai leggendo:

"Alda Merini - Una donna sul palcoscenico" di Cosimo Damiano Damato

10 settembre 2009 Recensioni 0 Commenti
Emanuele Rauco, 27 Agosto 2009: Sentito
Inedito in Italia

Un dialogo tra il regista e la grande poetessa milanese, in cui si parla della poesia ma anche della sua vita, della sua presunta pazzia, dei figli e degli amori perduti. A contrappuntare il tutto, Mariangela Melato legge celebri poesie dell’autrice…


Alda Merini è una delle personalità più importanti, discusse, amate della cultura italiana del XX secolo; una poetessa viva e intensa, più volte candidata al Nobel, che proprio a causa del suo talento e del suo temperamento ha visto la sua vita e la sua opera rovinata dal mondo che la circondava (il manicomio prima, lo sciacallaggio dopo). Cosimo Damiano Damato decide così di andare a cercare l’ottantenne scrittrice per intervistarla, riprendendo la confessione con la sua macchina da presa: operazione, per quanto difettosa, sincera e accorata.

Più che un documentario una video-intervista prodotta da Angelo Tumminelli, l’esplorazione della vita e dell’arte di una grande donna e di una grande intellettuale raccontata nel modo più immediato possibile, senza filtri di alcun tipo, se non quello delle sue opere. Una videocamera semi-amatoriale, la casa e i vestiti sdruciti della protagonista, le sue parole dure e soavi, i suoi pensieri di rado così lucidi e sinceri, il suo modo di parlare, schietto e tagliente che si apre a una selva di sentimenti trattenuti e inaspettati.

Damato, come dicevamo, usa come unica infiorettatura al discorso “diretto” le poesie della stessa Merini, recitate sobriamente da Melato e accompagnato dalla musica; peccato che questi inserti poetici siano ripetitivi, spezzando troppo il fluire di una conversazione talmente vera da poter essere anche fluviale senza annoiare, e che comunque da sola basterebbe a sollevare la piattezza stessa dell’operazione. Che è volutamente statica e immobile, sciatta e poco cinematografica, come se l’uso degli elementi filmici propriamente detti potesse guastare e imbastardire il flusso di coscienza di una donna che è davvero un faro, non solo all’interno di questo film ma dell’intero mosaico intellettuale nostrano. E che forse Damato non è stato in grado di seguire fino in fondo, con la dovuta radicalità.


Titolo: Alda Merini – Una donna sul palcoscenico

Regia: Cosimo Damiano Damato

Sceneggiatura:

Fotografia:

Interpreti: Alda Merini, Mariangela Melato
Nazionalità: Italia, 2009
Durata: 1h. 71′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.