Stai leggendo:

"Boulevard" di Dito Montiel

3 giugno 2014 Recensioni 0 Commenti
Boulevard

Inedito in Italia – Intimo

Nolan è un marito devoto che guidando lungo una strada sconosciuta, incontra Leo, un giovane ragazzo in difficoltà. Comincia così per lui un percorso di auto-confessione che sconvolge la sua vita e lo porta a confrontarsi con un segreto nascosto da sempre…


Roberto Aguire e Robin Williams in Boulevard«Ho guidato lungo una strada, un giorno. Una strada che non conoscevo.» E questa strada, per una coincidenza come può essere un semplice semaforo rosso unita ai dubbi e alle insicurezze di una vita, conduce Nolan ad affrontare la realtà. Boulevard è un film meraviglioso, perché la realtà abitudinaria del protagonista è rovesciata in un’enorme bugia che l’uomo per 60 anni ha voluto assecondare. Dopo un incipit non chiaro e un inizio “noioso”, la regia e la storia incalzano e cominciano a dare l’idea di un personaggio irrisolto, con un segreto, che si vuole non tanto scoprire ma capire.

Boulevard è un film che parla del riconoscere l’autenticità della propria esistenza. E questo non riguarda solo Nolan ma anche Joy, la moglie, che invece di insegnare nasconde la sua personalità brillante dietro lo schermo di una Tv in camera. Boulevard è una storia sulle sorprese che ci aspettano ad ogni angolo e il film, cosi come la vita, non le rivela ma le lascia in sospeso. E lo fa con tutti i personaggi. Questo non vuol dire che Boulevard non ha un finale, perché il senso di questo film sta nel non sapere cosa si potrà mai nascondere dietro l’angolo. Ci vuole coraggio per “svoltare”. Accettarsi e cambiare sono due delle cose più difficili da affrontare. E Nolan lo fa.

Robin Williams e Kathy Baker in BoulevardRobin Williams ne restituisce l’intimità con un tocco così sincero e profondo che è impossibile non commuoversi. Riesce letteralmente a comunicare la psicologia di quest’uomo, che soffre e non sa chi sia quando si guarda allo specchio. E riesce a sostenere con la sua fisicità stanca e tremolante, e il guizzo brillante dei suoi occhi, la noiosa routine del suo personaggio. Sembra un uomo di cristallo, che però ad un certo punto, su una strada sconosciuta, vede la sua corazza iniziare a scheggiarsi.

Buolevard ci insegna che a volte non basta guardarsi allo specchio per capirsi, e conoscere la propria verità, ma occorre perdersi. La regia di Dito Montiel è ben curata e la sensazione è che lasci i personaggi rivelarsi da soli, attraverso primi e primissimi piani molto espressivi. Ma non c’è da spaventarsi: l’ironia non manca, ci pensa infatti il migliore amico di Nolan a sdrammatizzare. Interno Banca: «Possiamo uscire? Ci sono troppe persone che fanno matematica qui dentro!»


Titolo: Boulevard
Regia: Dito Montiel
Sceneggiatura: Douglas Soesbe
Fotografia: Chung-hoon Chung
Interpreti: Robin Williams, Bob Odenkirk, Kathy Baker, Roberto Aguire, Giles Matthey, Darla Pelton-Perez, J. Karen Thomas, Clay Jeffries, Eleonore Hendricks, Brandon Hirsch, Henry Haggard, Curtis Gordon, David Ditmore, David Spodeck, Vernon Mitchell, Landon Marshall
Nazionalità: USA, 2014
Durata: 1h. 28′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.