Stai leggendo:

"Camminando sull'acqua" di Eytan Fox

29 ottobre 2004 Recensioni 0 Commenti
Camminando sull'acqua

Teodora, 12 Novembre 2004 – Duro

Un agente speciale del Mossad, il servizio segreto israeliano, deve fingersi una guida turistica al seguito di un giovane tedesco, in Israele per visitare la sorella ma che è nipote di un criminale nazista mai catturato. Lui preferirebbe l’azione “vera” ad un incarico simile, ed ha ancora nel cuore il dolore per il suicidio della moglie…


Lior Ashkenazi e Knut Berger in Camminando sull'acquaEsce finalmente anche in Italia – dopo gli strali del regista contro i nostri parlamentari europei omofobi e troppo destrorsi per i suoi gusti – uno dei film più politicamente violenti dell’ultimo periodo. Ma quella di Camminando sull’acqua non è una politica in your face alla maniera di Michael Moore: qui il messaggio è veicolato in modo sottile, un modo che evita di farti venire il mal di pancia durante la visione ma che è capace di farti pensare a lungo a quello che hai visto, permettendoti così di notare anche quei piccoli particolari che magari durante la proiezione ti sono passati semplicemente davanti agli occhi senza lasciare traccia apparente.

Knut Berger e Lior Ashkenazi in Camminando sull'acquaNato a New York ma trasferitosi con la famiglia in Israele quando aveva solo due anni, il quarantenne Eytan Fox aveva esordito sui nostri schermi alla fine del maggio 2003, quando Metacinema distribuì il suo mediocre Yossi & Jagger. Avendo questa volta a che fare con un argomento di fondo (il sionismo è una forma di nazismo?) certamente più complesso anche se non meno sentito rispetto all’outing degli omosessuali israeliani, lo stile secco e privo di fronzoli tipico di Fox fa da perfetta cornice all’intensa sceneggiatura del suo compagno Gal Uchovsky.

Knut Berger, Caroline Peters e Lior Ashkenazi in Camminando sull'acquaProbabilmente l’omosessuale più influente di tutta Israele, Uchovsky è giornalista e conduttore televisivo – oltreché collaboratore abituale di Fox. Essendo evidentemente anche un intellettuale di buon livello, ha saputo scrivere una sceneggiatura chiara e lineare, che ha il difetto di voler “dire troppo” nell’ultima parte e di arrivare ad un finale scontato e piacione. Ma i dialoghi tra il protagonista ed il ragazzo tedesco sono impressionanti per lucidità ed efficacia e la parte ambientata a Berlino fa da perfetto contraltare a quella in Israele.

Pur essendo Camminando sull’acqua girato in inglese, i personaggi parlano nella loro lingua quando necessario (anche se il doppiaggio traduce quasi tutto in italiano), e questo aggiunge spessore all’universo filmico che Fox e Uchovsky hanno creato. Un universo fittizio ma che disegna ottimamente una realtà difficile da comprendere, un problema difficile da risolvere. Un film da cineforum. Di quelli seri.


La locandina di Camminando sull'acquaTitolo: Camminando sull’acqua (Walk on Water)
Regia: Eytan Fox
Sceneggiatura: Gal Uchovsky
Fotografia: Tobias Hochstein
Interpreti: Lior Ashkenazi, Knut Berger, Caroline Peters, Gideon Shemer, Hanns Zischler, Carola Regnier, Eyal Rozales, Sivan Sasson
Nazionalità: Israele, 2004
Durata: 1h. 44′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)