Stai leggendo:

"Codice fantasma" di Kasper Barfoed

31 luglio 2014 Recensioni 0 Commenti
Codice fantasma

Notorious Pictures, 6 Febbraio 2014 – Inconsistente

Un agente della CIA, caduto in depressione dopo una missione finita molto male, viene incaricato di fare da guardia del corpo a un’operatrice radio in una località sperduta nella campagna inglese. Dopo mesi di totale monotonia, codici cifrati e profondi silenzi, i due si ritrovano in mezzo a un vero e proprio assedio…


John Cusack in Codice fantasmaNonostante abbia nel cast attori noti come John Cusack, Liam Cunningham e Malin Akerman, Codice Fantasma è un film che si fatica a inquadrare come una produzione di rilievo, sia perché arrivata nel nostro paese con la classica re-interpretazione del titolo alla Era mio padre (quello originale è The Numbers Station), sia perché è di una piattezza tale da scoraggiare anche gli animi più motivati.

Dietro la macchina da presa c’è il danese Kasper Barfoed, con trascorsi confinati a opere sul territorio danese la cui eco negativa, per nostra sfortuna, non gli ha impedito di trovare ancora fiducia tra i produttori. Il film attinge a piene mani dal genere classico dei “panic room”, aggiungendo una componente action alla Die Hard senza tuttavia quello humour “yippie ki-yai” in grado di rendere scorrevole la visione e godibile la pellicola.

Malin Akerman in Codice fantasmaLa banalità delle scene e la loro prevedibilità è sicuramente l’aspetto che peggio si digerisce, sorvolando sull’interpretazione sciatta degli attori e sulla qualità della fotografia, nonostante le ambientazioni avrebbero molto da mostrare e gli ambienti claustrofobici ben altre sensazioni da incutere. Cusack non ha il pathos, la forza né tantomeno la solidità per reggere uno one man show, e difatti in Codice fantasma si fa abbattere da un incidente di percorso – come il D-Tox di Stallone – e nella nuova missione anziché mostrarsi guardia del corpo sicura e consapevole, preferisce alzare un muro di gomma davanti alla bella ma intelligente Katherine, sicuramente più loquace e vera dell’agente Emerson.

Malin Akerman e John Cusack in una scena di Codice fantasmaArchiaviata regia, fotografia e sceneggiatura, per un quadro che fallisce su tutta la linea non resterebbero che la colonna sonora e il finale, perché magari ci si aspetta che i pilastri non siano i soliti noti o che, quantomeno, la mediocrità prima o poi abbia termine. La musica, invece, è anonima e ci si accorge di qualcosa in sottofondo solo perché viene interrotta da spari ed esplosioni, e il finale esiste solo come preludio ai titoli di coda. Insomma, un film sconsigliato, soprattutto ai fan di John Cusack.


La locandina originale di Codice fantasmaTitolo: Codice fantasma (The Numbers Station)
Regia: Kasper Barfoed
Sceneggiatura: F. Scott Frazier
Fotografia: Ottar Gudnason
Interpreti: John Cusack, Malin Akerman, Liam Cunningham, Richard Brake, Bryan Dick, Finbar Lynch, Lucy Griffiths, Joey Ansah, Victor Gardener, Joe Montana, Brian Nickels, Randy Merchant, Hannah Murray
Nazionalità: Regno Unito – USA – Belgio, 2013
Durata: 1h. 29′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.