Stai leggendo:

"Come vinsi la guerra" di Buster Keaton

3 gennaio 2005 Recensioni 0 Commenti
Alberto Cassani, 3 Gennaio 2005: Splendido 

Johnnie Gray ha due amori: la sua locomotiva e la sua fidanzata. Ma c’è la Guerra di Secessione e il suo treno è bersaglio di un piano dell’esercito nordista per interrompere le comunicazioni tra gli avamposti confederati e le grandi città del sud. Durante una pausa di viaggio, alcune spie nordiste rubano “Il Generale”…


Ispirato da una storia vera, The General è il film che Buster Keaton amava di più tra quelli da lui realizzati. Invidiabile mix di commedia, sentimento ed avventura, è realizzato con gran perizia ed imponente dispiego di mezzi (42.000 dollari solo per la sequenza del ponte che brucia). Keaton, però, non si compiace mai di ciò che fa e non perde mai di vista lo scopo primario delle singole sequenze, adottando soluzioni registiche complesse solo perché quello era il modo migliore di girare una scena e rischiando la vita in più d’un momento perché solo così avrebbe potuto scatenare la risata che cercava.

Buster Keaton in una scenaDetestato dalla critica ed ignorato dal pubblico, alla sua uscita nelle sale statunitensi Come vinsi la guerra si rivelò un cocente insuccesso commerciale per la United Artists, che inizialmente lo distribuì in versione colorata come si usava fare con i film importanti. Quando però qualcuno fu finalmente in grado di guardarlo con il giusto distacco, fu evidente che si trattava in realtà di una delle commedie più belle dell’epoca del muto. Forse addirittura uno dei film più belli della storia del cinema.

Perfettamente restaurata nel 2004 e presentata al Festival di Cannes, la pellicola si avvale ora di un esaltante nuovo commento musicale di Joe Hisaishi, che sottolinea ottimamente i ritmi comici di Keaton ed esalta da par suo l’intreccio romantico. C’è poi Anna Mouglalis, che interpreta con la giusta intensità il tema principale mentre scorrono i titoli di coda. E questo nuovo accompagnamento sonoro finisce per rendere ancora più coinvolgente la visione di quello che Orson Welles definì – alla faccia di Via col vento – il miglior film mai realizzato sulla Guerra di Secessione.


Titolo: Come vinsi la guerra (The General)
Regia: Buster Keaton & Clyde Bruckman
Sceneggiatura: Buster Keaton, Clyde Bruckman
Fotografia: Bert Haynes, Deveraux Jennings
Interpreti: Buster Keaton, Marion Mack, Glen Cavender, Jim Farley, Frederick Vroom, Charles Henry Smith, Frank Barnes, Joe Keaton, Mike Donlin, Tom Nawn, Richard Allen, Henry Baird, Joe Bricher, Jimmy Bryant, C.C. Cruson, Budd Fine
Nazionalità: USA, 1927
Durata: 1h. 18′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre