Stai leggendo:

"Dear Zachary" di Kurt Kuenne

12 luglio 2013 Recensioni 0 Commenti
Dear Zachary

Inedito in Italia – Emozionante

Un giovane medico viene ucciso nel paesino della Pennsylvania dove esercitava. Viene sospettata l’ex fidanzata, che fugge in Canada e dà alla luce il figlio dell’uomo, Zachary. I genitori del defunto iniziano una battaglia per l’estradizione della donna e l’affidamento del piccolo…


Andrew Bagby in Dear ZacharyCapita spesso, nei documentari, che l’evento o il personaggio raccontato spicchi più della tecnica usata per raccontarlo, col risultato di dar vita a film coinvolgenti e magari emozionanti ma privi di un vero spessore cinematografico. Poi ci sono documentari talmente ben costruiti da potersi permettere al loro interno delle sequenze di finzione che danno corpo a una storia magari interessante ma difficile da raccontare. E poi ancora, ed è il caso di Dear Zachary, ci sono documentari che raccontano una storia realmente sconvolgente ma sanno farlo con una tecnica talmente raffinata da aggiungere davvero qualcosa al discorso che si sta portando avanti, senza per questo dare l’impressione di calcare la mano alla ricerca dell’effetto facile.

Shirley Turner con Zachary in Dear ZacharyNon si può negare che la forza di Dear Zachary stia nell’evento narrato, che nasconde ben più di quanto accennato nelle tre righe di inizio recensione e lascia a bocca aperta per il modo in cui si è sviluppato. È però la tecnica con cui Kuenne l’ha messo insieme che riesce davvero a creare tensione e rendere il racconto commovente fino alle lacrime. Lo spaesamento del regista nel dare una direzione al film – per chi lo sto facendo e come saprò quando ho finito? – è esposto con grande chiarezza, e questo permette e giustifica la manipolazione temporale delle interviste per rivelare determinati particolari solo al momento opportuno. La vicenda si sviluppa allora come un vero e proprio giallo, fra testimonianze, cavilli legali e colpi di scena.

David e Kathleen Bagby con Zachary in Dear ZacharyCi si appassiona e ci si commuove, si inorridisce e si resta increduli. E per quanto si abbia sempre bene in mente che si tratta di un caso di cronaca nera, il fatto che il Governo canadese sia partito proprio da questo film per iniziare il procedimento per cambiare la sua legge sulla custodia cautelare la dice lunga sulla maestria con cui Kurt Kuenne l’ha realizzato.


La locandina di Dear ZacharyTitolo: Dear Zachary: A Letter to a Son About His Father
Regia: Kurt Kuenne
Sceneggiatura: Kurt Kuenne
Fotografia: Kurt Kuenne
Interpreti: Andrew Bagby, Shirley Turner, Zachary Turner, David Bagby, Kathleen Bagby, Kurt Kuenne, Heather Arnold, Jon Atkinson, Bob Bagby, Earlene Bagby, James Bagby, Linda Bagby, Pat Bagby, Jason Baldwin, Derek Barnard
Nazionalità: USA, 2008
Durata: 1h. 35′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)