Stai leggendo:

"Fiore del deserto" di Sherry Hormann

16 aprile 2016 (6 Settembre 2009) Recensioni 0 Commenti
Fiore del deserto

Ahora! Film, 14 Aprile 2016 – Attuale

Biografia della top-model somala Waris Dirie, Fiore del deserto ripercorre le tappe del suo singolare destino per portare all’attenzione degli spettatori un drammatico tema purtroppo ancora attuale come quello dell’infibulazione, pratica tuttora praticata in gran parte dell’Africa centrale…


Liya Kebede con Sally Hawkins sullo sfondo in una scena di Fiore del desertoLa vita di Waris Dirie pare avere nella sua tragicità e singolarità di evoluzione i requisiti per essere di per sé una sceneggiatura cinematografica, per quanto prima di diventare un film sia stata un’autobiografia con lo stesso titolo di questo film. È infatti singolare vedere come il destino di una bimba somala segnato da radicate tradizioni che prevedono la pratica barbara dell’infibulazione abbia preso una strada che non solo ha dato a Waris di trovare una via di uscita, ma le ha permesso anche di trovare un nuovo mondo fatto di successo e glamour.

Probabilmente la miracolosa sopravvivenza di Waris, che fugge ragazzina per evitare il matrimonio imposto con un uomo anziano, aveva lo scopo di renderla testimone di questa sua parabola fino a diventare ambasciatrice ONU, in quanto simbolo della lotta contro l’infibulazione, e portare all’attenzione pubblica un dramma in alcuni paesi non ancora superato.

Liya Kebede in Fiore del desertoPer quanto il tema di Fiore del deserto sia drammatico, la regista Sherry Hormann realizza un film che, grazie alla figura di Waris e al rapporto con l’amica Marylin, regala dei sorrisi e riesce ad appassionare nel ricostruire tramite flashback la vicenda della futura top-model. Dalla Somalia a Londra, città nella quale è ambientata la vicenda di Waris adulta, si assiste al coraggio che più volte una giovane donna somala deve trovare prima per sopravvivere e poi per superare il trauma subito da bambina, specie per evitare che la sua vita ne resti segnata per sempre.

Liya Kebede in una scena di Fiore del desertoCome fosse protagonista di una favola, Waris da bimba nomade approda alle passerelle internazionali più ambite, ma non è il successo ciò che interessa raccontare quanto – secondo le parole della stessa ragazza – il giorno che le ha cambiato la vita, ossia quello in cui ha subito l’infibulazione e che farà da filo conduttore. Si dice che il successo abbia il suo prezzo, e per Waris il prezzo consiste essenzialmente nel passato che ritorna con frequenza a intralciarle il presente e a compromettere il futuro, ma nel suo caso il successo è stato anche lo strumento che le ha permesso di smuovere le coscienze di chi di dovere, e ora, attraverso il film, di portare nuovamente all’attenzione della gente un dramma ancora da estinguere.


La locandina di Fiore del desertoTitolo: Fiore del deserto (Desert Flower)
Regia: Sherry Hormann
Sceneggiatura: Sherry Hormann
Fotografia: Ken Kelsch
Interpreti: Liya Kebede, Sally Hawkins, Craig Parkinson, Meera Syal, Anthony Mackie, Juliet Stevenson, Timothy Spall, Soraya Omar-Scego, Chris Wilson, Eliezer Meyer, Teresa Churcher, Nick Raio, Matt Kaufman, Prashant Prabhakar, Anna Hilgedieck
Nazionalità: Regno Unito – Germania – Austria, 2009
Durata: 2h.


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre