Stai leggendo:

"Diverso da chi?" di Umberto Carteni

16 marzo 2009 Recensioni 2 Commenti
Diverso da chi?

Universal, 20 Marzo 2009 – Sprecato

Piero è gay, “sposato” da 14 anni, ma è anche un politico che si trova catapultato alla conquista del municipio. Ma l’asino casca quando una intransigente e temibile consigliera comunale non gli si avvicina a tal punto da farglielo funzionare anche con una donna e rimanere poi incinta…


Luca Argentero e Filippo Nigro in Diverso da chi?«Luca era gay e adesso sta con lei
Luca parla con il cuore in mano
Luca dice sono un altro uomo…»
L’avete riconosciuta? Ebbene sì, è il tormentone che ha segnato l’ultimo Festival di Sanremo (qualcuno si ricorda il motivetto della canzone vincitrice?), che ha polarizzato l’attenzione tra lo schieramento di chi condannava il testo di omofobia spicciola e quello che lo difendeva in quanto racconto di una storia particolare, con una propria specifica dignità e senza velleità di giudizi complessivi sulla tematica omosessuale. Diverso da chi?, primo lungometraggio per il cinema di Umberto Carteni – alle spalle una lunga carriera da aiuto di autori come Avati, Tornatore, Ferrara e Lucchetti – cerca indirettamente di proporre una sintesi sul tema.

Luca Argentero e Claudia Gerini in Diverso da chi?Piero è gay, ama alla follia Remo, sono “sposati” da quattordici anni «con tanto di ricevimento con i parenti». Piero è anche un politico, consigliere tra le fila di una Unione Democratica che ricorda moltissimo il disastrato PD, che si trova catapultato alla conquista del municipio dopo che il rivale, arrivato prima di lui alle primarie, ha un colpo durante il discorso di insediamento, trovandosi a sfidare il temibile avversario di destra, Galeazzo – un gustoso Francesco Pannofino. Ma l’asino casca quando l’intransigente e temibile teodem centrista Adele Ferri non si avvicina a tal punto al nostro da farglielo funzionare anche con una donna – «te lo giuro, non mi era mai successo» – e rimanere poi incinta.

Francesco Pannofino in una scena di Diverso da chi?Lo spunto carino si disperde liquidamente in un’architettura che si sostiene e si alimenta di luoghi comuni («ho provato con le donne, da ragazzino stavo con la più bella del paese») sia dal punto di vista della problematica sociale e culturale che da quello politico. Il cast ben assemblato ed assortito non riesce a rendere vivace più dello stretto necessario una pellicola che sembra accontentarsi troppe volte della risatina stentata e trascinata un po’ via. Alla lunga si assiste ad un’apoteosi del luogocomunismo che disinnesca anche i pochi momenti efficaci sparsi lungo il film. Peccato, perchè si poteva (e si doveva) fare di meglio.


La locandina di Diverso da chi?Titolo: Diverso da chi?
Regia: Umberto Carteni
Sceneggiatura: Fabio Bonifacci
Fotografia: Marcello Montarsi
Interpreti: Luca Argentero, Claudia Gerini, Filippo Nigro, Antonio Catania, Francesco Pannofino, Giuseppe Cederna, Rinaldo Rocco, Antonio Bazza
Nazionalità: Italia, 2008
Durata: 1h. 42′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 2 commenti a questo articolo:

  1. Anonimo scrive:

    Completamente d’accordo con la recensione: la fiera del luogocomune.
    Per me è da semaforo rosso.

  2. Andrea scrive:

    Scusate non mi ero firmato..

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.