Stai leggendo:

"Duets" di Bruce Paltrow

29 marzo 2002 Recensioni 0 Commenti
Mariela Bernardini, 29 Marzo 2002: Malinconico
Medusa, 24 Novembre 2000

Sei persone in viaggio verso Omaha, in Nebraska, per partecipare al concorso annuale di karaoke, che ha in palio 5.000 dollari. C’è il donnaiolo con la figlia showgirl svampita, c’è il bussinesman in piena crisi esistenziale, l’ex detenuto, l’ex prostituta che coinvolge nel suo viaggio un tassista…


Diretto e prodotto da Bruce Paltrow (padre di Gwyneth), Duets è un film originale nella scelta di raccontare il mondo del karaoke, con i suoi bizzarri concorrenti e organizzatori, ma cade un po’ nel déjà-vu nella caratterizzazione dei personaggi. Le tre storie narrate sono tutto sommato accettabili, riuscendo a tratti a far provare un pò di tristezza e di malinconia per le difficoltà che affliggono i personaggi, ma in alcuni momenti si fanno piatte.

La coppia migliore è quella composta da Paul Giamatti e Andre Braugher, ovvero il bussinesman che scappa dalla sua vita “quasi” perfetta e l’uomo di colore nei guai con la legge. Tra loro due si sviluppa una bella amicizia che qua e là riesce a emozionare. La coppia Huey Lewis-Gwyneth Paltrow non sortisce invece lo stesso effetto: il padre non vuole avere nulla a che fare con la figlia, mentre la ragazza non si separa da lui neanche un secondo. Nessuno dei due attori riesce a rendere profondo il proprio personaggio, la Paltrow fa troppe smorfie e Lewis è al contrario piuttosto statico. Infine la terza coppia, Maria Bello-Scott Speedman: lei è molto brava e disinvolta nei panni della ragazza dalla vita difficile ma dal cuore d’oro, mentre Speedman è una faccia nota del piccolo schermo statunitense che si trova a interpretare un ruolo piuttosto insignificante.

Ma è la musica la vera protagonista del film, e le numerose canzoni accompagnate da buone interpretazioni, rendono tutto sommato piacevole il film. Giamatti e Braugher sono protagonisti di un duetto finale strepitoso sulle note di “Try a little tenderness”, Maria Bello intona in modo ineccepibile “Sweet Dreams” degli Eurythmics, ma il duetto migliore è quello tra Gwyneth Paltrow e Huey Lewis alle prese con “Cruisin'” di Smokey Robinson. La Paltrow ha una voce molto bella ed elegante, se la cava molto bene col canto e lo dimostra anche nella splendida cover di “Bette Davis’ Eyes” e il duetto di “My imagination” insieme a Babyface, che accompagna i titoli di coda.


Titolo: Duets (Id.)
Regia: Bruce Paltrow
Sceneggiatura: John Byrun
Fotografia: Paul Sarossy
Interpreti: Gwyneth Paltrow, Maria Bello, Scott Speedman, Paul Giamatti, Huey Lewis, Andre Braugher, Scott Speedman, Maria Bello, Lochlyn Munro, Carol Alexander, Michael Rogers, Amanda Kravat, Ian Robinson, Roger Haskett, John Payne, Tom Bougers
Nazionalità: USA, 2000
Durata: 1h. 52′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.