Stai leggendo:

"Figli delle stelle" di Lucio Pellegrini

18 ottobre 2010 Recensioni 0 Commenti
Emanuele Rauco, 18 Ottobre 2010: Lacunoso
Warner, 22 Ottobre 2010

Un gruppo di precari ideologicamente attivissimi, per disperazione e ripicca dopo una morte sul lavoro, decidono di rapire il Ministro del Lavoro. Ma essendo sfigati e incompetenti sbagliano, rapendo un sottosegretario. E ora devono risolvere il problema…


La commedia italiana, come dimostra l’incredibile successo di Benvenuti al sud di Miniero, potrebbe essere il punto di partenza per il rilancio dell’industria cinematografica nazionale e per dare spunti per una nuova politica produttiva. Un parco attori da poter spendere, la possibilità di coniugare realtà e gusti del pubblico, anche una questione di DNA artistico e culturale italico. E’ per questo che dal nuovo film di Lucio Pellegrini ci si aspettava qualcosa di meglio. Il regista, col fratello Michele e Francesco Cenni, scrive una specie di parodia di Buongiorno, notte di Bellocchio che vorrebbe percorrere le strade della commedia dalle venature nere e politiche, ma si arena nell’inadeguatezza della sua realizzazione.

Il film, infatti, entra all’inizio a gamba tesa sulla realtà, raccontando di precari, di poveri, di operai che muoiono per le troppe inadeguatezze del sistema, ma anche dei limiti della politica e dell’ideologia, fermandosi però alle premesse e preferendo restare nel limbo della commedia di basso profilo, fatta di macchiette, dialetti da ogni parte d’Italia, superficialità politiche e musiche didascaliche (il “Va’ pensiero” di Verdi). E così, un film malinconico sul riscatto dei perdenti, sulla cialtroneria insita nel sistema italiano e sull’azione collettiva contro i cascami del Potere diventa una facile presa in giro del nuovo comunismo, dell’ingenua buona fede con annessa dimostrazione che non esistono cattivi, ma solo buoni fraintesi.

A dominare la sceneggiatura, più che il qualunquismo, però c’è il dilettantismo di costruzione che dimentica per strada per gran parte del film un personaggio – comunque inutile – come quello di Fabio Volo e si affida alla struttura movimentata per coprirne le falle. Falle alle quali Pellegrini non fa molta attenzione, preoccupato solo di dirigere gli attori, dai protagonisti ai secondari, come enormi macchiette regionali (che il pubblico si conquisti puntando solo ai regionalismi?). E’ un peccato, perché il finale raggiunge il tono crepuscolare che ci voleva e avrebbe dato più spessore alle prove di Pierfrancesco Favino – che parla ciociaro – e Claudia Pandolfi. Mentre Giuseppe Battiston e Paolo Sassanelli sono attori e caratteristi di razza, e il loro dovere lo sanno fare sempre e comunque.


Titolo: Figli delle stelle
Regia: Lucio Pellegrini
Sceneggiatura: Francesco Cenni, Lucio Pellegrini, Michele Pellegrini
Fotografia: Gian Enrico Bianchi
Interpreti: Pierfrancesco Favino, Fabio Volo, Giuseppe Battiston, Claudia Pandolfi, Paolo Sassanelli, Giorgio Tirabassi, Teco Celio, Fausto Sciarappa, Pietro Ragusa
Nazionalità: Italia, 2010
Durata: 1h. 42′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre