Stai leggendo:

"I tre moschettieri" di Paul W.S. Anderson

14 ottobre 2011 Recensioni 3 Commenti
Luca Buccella, 12 Ottobre 2011: Cartoonesco
01 Distribution, 14 Ottobre 2011

Athos, Porthos e Aramis, tre moschettieri decaduti a causa di una missione fallita, si alleano con il giovane guascone D’Artagnan per sventare le manovre del cardinale Richelieu, che vuole far scoppiare un conflitto tra Inghilterra e Francia…


Con una trentina tra film, serie Tv e sceneggiati, I tre moschettieri si qualifica come uno dei classici più adattati di sempre, e in questo periodo in cui Hollywood sta saccheggiando romanzi del passato per riproporli come film d’azione (Sherlock Holmes è l’esempio più recente) era più che scontata un’altra trasposizione del celebre romanzo d’appendice di Dumas. A occuparsene stavolta, in veste di produttore e regista, è Paul W.S. Anderson, specialista di film-videogame come Resident Evil. L’influenza dei videogiochi si fa infatti sentire pesantemente anche in questo I tre moschettieri, come anche quella delle saghe d’avventura come Pirati dei Caraibi e persino dei film di 007, passando per eccessi che vorrebbero sembrare tarantiniani ma ricordano più un malriuscito cartoon DreamWorks. Contribuisce la pomposa e invadente colonna sonora di Paul Haslinger, che pesca a piene mani da tutti gli influssi sopraccitati.

Il cast alterna scelte azzeccate ad altre che fanno tremare i polsi: l’Athos di Matthew McFadyen risulta apatico e poco interessante, mentre Luke Evans e Ray Stevenson forniscono delle buone prove come Aramis e Porthos. L’idolo delle teenager Logan Lerman interpreta un D’Artagnan più monodimensionale che mai: un giovane orgoglioso che agisce senza particolari motivazioni e non ha nessuna evoluzione. La Jovovich è tutta smorfie e sorrisetti nei panni di Milady, ma chi provoca più sofferenze è Christoph Waltz: il solitamente ottimo attore austriaco pare quasi svuotato nella parte di un Richelieu spentissimo e privo di carisma, tanto che viene quasi da sperare in una versione più eccessiva. Speranza che svanisce una volta visto il trattamento caricaturale riservato al Re di Francia, sorta di pavone ballerino che chiede a D’Artagnan consigli di cuore.

Purtroppo gli sceneggiatori Davies e Litvak sembrano convinti che basti delineare i tratti salienti dei protagonisti in un rapido prologo espositivo per compensare un film intero in cui il loro approfondimento è totalmente trascurato. Non c’è un momento in cui i nostri eroi si trovino di fronte ad una minaccia credibile: d’accordo la spensieratezza e la consapevolezza dei propri limiti ma così si esagera, facendo sì che lo spettatore si disinteressi totalmente delle loro sorti. In definitiva, la pellicola è talmente soffocata dal suo prepotente stile visivo e dai marchingegni steampunk che la popolano – tra navi volanti e cannoni a ripetizione – da arrivare a crollare totalmente sotto il suo debordante peso, complici scenografie che paiono ritagliate da un libro animato, costumi eccessivi e coloratissimi, scene d’azione gestite male, in cui solo i duelli all’arma bianca sembrano ben coreografati, e un finale privo di climax. Un film pieno di personaggi, ma lungo tutta la sua durata c’è solo un protagonista a cui Anderson e i suoi sembrano essere interessati: le anacronistiche aereonavi da battaglia tanto celebrate nei vari trailer, che sicuramente frutteranno molto nel merchandising.


Titolo: I tre moschettieri (The Three Musketeers)
Regia: Paul W.S. Anderson
Sceneggiatura: Alex Litvak, Andrew Davies
Fotografia: Glen MacPherson
Interpreti: Logan Lerman, Milla Jovovich, Matthew MacFadyen, Ray Stevenson, Luke Evans, Mads Mikkelsen, Orlando Bloom, Christoph Waltz, Gabriella Wilde, James Corden, Juno Temple, Freddie Fox, Til Schweiger
Nazionalità: Germania – Francia – Regno Unito – USA, 2011
Durata: 1h. 42′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 3 commenti a questo articolo:

  1. Marco scrive:

    Concordo con la recensione. Videogiocattolone come solo Anderson sa fare. Ancora una volta un film al servizio degli effetti speciali. La Jovovich però è sempre bella.

  2. Marco scrive:

    Albe che ne pensi di “Punto Di Non Ritorno”? Io lo reputo un buon film che riesce a mixare sia sci-fi che horror creando non poche scene di tensione. Anderson dirige bene.
    Un cult anni ’90 ingiustamente sottovalutato e dimenticato.
    Secondo me molti film a venire hanno ripreso spunti da esso.

  3. Riccardo scrive:

    @ Marco: secondo me Punto di non ritorno è uno dei film più sottovalutati della storia del cinema. Pieno di citazioni alla grande SF, con spunti interessanti, buoni momenti di suspance e un gran cast. Non è un capolavoro ma è dai tempi di Blade Runner che non se ne vede uno

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.