Stai leggendo:

Justice League di Zack Snyder

22 novembre 2017 Recensioni 6 Commenti
Justice League

Warner, 16 Novembre 2017 – Misero

Dopo la morte di Superman, i segni di un oscuro piano extraterrestre si sono fatti impossibili da ignorare, al punto che Batman decide di cambiare rotta e formare, insieme con Wonder Woman e altre reclute, una squadra che possa arginare la minaccia. Ma l’assalto alla Terra del potente Steppenwolf è già iniziato…


Si stanno spendendo abbastanza inutilmente pagine e pagine digitali a fare paragoni tra i film dei Vendicatori e questo corrispondente titolo della Warner/DC Comics, così come per anni si sono fatti inutili confronti sui fumetti. Diversa è stata la pianificazione, la fortuna critica dei film precedenti e diverse le difficoltà produttive, anche se un elemento di questo confronto non è del tutto inutile. Laddove la Marvel aveva pianificato il tutto con maggiore calma e dedicato un film singolo a ciascun personaggio, Justice League ha il grosso merito di riuscire a introdurre in una sola pellicola tre supereroi credibili e appassionanti, conservando anche il taglio tutto sommato interessante dato a Batman e Wonder Woman. Peccato che i cinque personaggi protagonisti siano l’unica cosa che funziona in tutto il film, e non è assolutamente abbastanza.

Frutto di una lavorazione confusa aggravata anche dal sovrapporsi delle mani quanto mai incompatibili di Zack Snyder e Joss Whedon (autore questi della riscrittura di alcune scene e regista delle riprese aggiuntive), le due ore di proiezione rimbalzano continuamente tra toni troppo leggeri e altri apocalittici in cui non sembra credere davvero nessuno. Prova ne è il villain Steppenwolf, quanto di più anonimo e banale visto in un film del genere, che purtroppo fa il paio con una sceneggiatura non tanto raffazzonata nello svolgimento quanto misera nella sostanza, in grado di togliere qualsiasi epicità ai personaggi.

Sul fronte puramente tecnico, le cose non vanno affatto meglio, con una fotografia priva di qualsiasi personalità, un eccesso di computer grafica di un livello qualitativo spesso imbarazzante visto soprattutto l’enorme budget, e delle scene d’azione che non riescono mai a sorprendere quanto dovrebbero. Incolpevoli gli attori protagonisti (ad eccezione di Henry Cavill), che anzi si prestano al gioco con la giusta miscela di impegno e ironia, ma sa tanto di occasione sprecata avere dei buoni personaggi, figli di anni e anni di albi disegnati, in una vicenda che è qualcosa meno di un pretesto. Per quanto molto meno molesto dei titoli che l’hanno preceduto, Justice League intrattiene poco e lascia troppi dubbi sul proseguimento del franchise DC.


La locandina di Justice LeagueTitolo: Justice League (Id.)
Regia: Zack Snyder
Sceneggiatura: Chris Terrio, Joss Whedon
Fotografia: Fabian Wagner
Interpreti: Ben Affleck, Henry Cavill, Amy Adams, Gal Gadot, Ezra Miller, Jason Momoa, Ray Fisher, Jeremy Irons, Diane Lane, Connie Nielsen, J.K. Simmons, Ciarán Hinds, Amber Heard, Joe Morton, Lisa Loven Kongsli
Nazionalità: USA, 2017
Durata: 2h.


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 6 commenti a questo articolo:

  1. Federico ha detto:

    Sono d’accordo, unica cosa non capisco perchè dare colpe a Henry Cavill. Il suo Superman è forse l’unica cosa che mi è davvero piaciuta in questo film, grazie anche al totale cambio di direzione in regia/sceneggiatura (dal Dr. Manhattan di Snyder si è trasformato nel vecchio Superman di Christopher Reeve, cosa che mi fa molto, molto piacere).
    Ma per il resto non ho visto praticamente nessun aspetto positivo nel film.

  2. Antonio ha detto:

    Concordo.
    Dopo il gioiellino di Wonder Woman di Patty Jenkins ho nutrito un leggero interesse verso questo film corale ma è..
    un film che risulta inadeguato e povero.
    L’ho trovato ancora piu’ tristemente confuso dei terribili Suicide Squad e Batman V Superman.
    La trama si dipana come al solito in maniera telefonata e neanche Wonder Woman e Flash (che a mio avviso sono i veri punti di forza di questa pellicola) salvano la baracca da 300 milioni di dollari.
    Inguardabile il muso ricostruito in CGI di Henry Cavill, tanto da rendere poco credibile la sua recitazione che nelle precedenti pellicole, almeno, funzionava bene.

  3. Riccardo ha detto:

    Troppo buoni. Questo film è imbarazzante

  4. Federico ha detto:

    Visto. Dalla recensione mi sembra che ci si aspettava chissà cosa,d’altronde é un film sui supereroi che deve intrattenere la famiglia e secondo me riesce nel suo intento, poi chiaro come detto nella recensione il villain non é all’altezza e certe scene risultano un po’ sempliciotte, peró dai al cinema nin quest’ambito si é visto di peggio(Batman & Robin,Catwoman e lo stesso Lanterna Verde di casa Dc)

  5. Eddie ha detto:

    Ho sempre contestato alla Marvel il piattume visivo dei suoi film, la sua necessità di sottrarsi a qualsiasi rischio, proponendo uno spettacolo certamente di buon livello ma senza emozioni e senza uno stralcio di riconoscibilità stilistica da parte dei suoi vari autori. La DC, al contrario, ha messo in scena storie scritte male ma girate se non altro con personalità, fino a questa merda di film senza nulla da salvare. Hanno voluto rifare la Marvel, quando aggiustando il tiro potevano farle in culo. Dementi.

  6. Donato ha detto:

    Dopo un anno di assenza dal suo blog, il grande Leo Ortolani è tornato a pubblicare una recensione a fumetti di un film. Indovinate quale?

    https://leortola.wordpress.com/2017/12/03/cinemah-presenta-non-ce-piu-justice-la-recensione-gentile-di-justice-league/

    Giuro che l’ultima vignetta mi ha fatto ridere con le lacrime…

Scrivi un commento








Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].