Stai leggendo:

"Kung Fu Panda 3" di Jennifer Yuh Nelson & Alessandro Carloni

6 aprile 2016 Recensioni 8 Commenti
Kung Fu Panda 3

20th Century Fox, 17 Marzo 2016 – Emozionante

Po incontra Li Shan, il suo vero padre, e torna con lui nel villaggio segreto dei panda, sulle montagne. Intanto, nel Regno degli Spiriti Kai sconfigge il vecchio maestro Oogway. In questo modo riesce a tornare nel mondo dei mortali, pronto per affrontare il Guerriero Dragone…


Po e Li Shan in Kung Fu Panda 3Spinge forte sulla commedia, questa terza avventura del panda più pasticcione, divertente e potente del cinema. Dopo un episodio più dark e schematico, con Kung Fu Panda 3 gli sceneggiatori e i registi (Jennifer Yuh Nelson, che già aveva diretto il secondo episodio, e l’italiano Alessandro Carloni) tornano a toni più solari e consoni al personaggio ma introducono al contempo temi più maturi e profondi, che fanno da corollario alle avventure di Po e dei suoi amici. Temi come la consapevolezza e accettazione di se stessi, il valore e la forza della famiglia e dell’amicizia vengono affrontati e diluiti durante tutto il film e poi risolti brillantemente con alcuni semplici ma efficaci dialoghi nel finale (prima che Po e Kai se le diano di santa ragione), in modo che siano facilmente compresi anche dal giovane pubblico cui chiaramente il film è rivolto.

Kai in una scena di Kung Fu Panda 3Anche sul piano visivo c’è uno stacco netto rispetto al predecessore: Kung Fu Panda 3 è coloratissimo e vivacissimo, sia nel mondo dei mortali sia nel regno degli spiriti, e il livello tecnico dell’animazione ha ormai raggiunto livelli di dettaglio che lasciano a bocca aperta. Il risultato di queste rivoluzioni rispetto al secondo capitolo è un film più vicino all’originale ma senza le indecisioni del primo film: qui è chiaro fin dalla sequenza iniziale che tutto il cast – artistico e tecnico – è ben consapevole dei propri mezzi e sa come usarli al meglio per arrivare al risultato finale. Che è, senza dubbio, quello di far ridere. E ci riesce tutte le volte che ci prova, riuscendo pure a prendersi in giro sulla mossa del dito wuxi.

Kung Fu Panda 3 è un film completamente riuscito, forse perfino il migliore della serie. Ha tutto quello che deve avere un cartone animato moderno e riesce a far divertire, e spesso emozionare, tutti: grandi e piccini.


La locandina di Kung Fu Panda 3Titolo: Kung Fu Panda 3 (Id.)
Regia: Jennifer Yuh Nelson, Alessandro Carloni
Sceneggiatura: Jonathan Aibel, Glenn Berger
Fotografia:
Doppiatori: Fabio Volo, Paolo Marchese, Eros Pagni, Francesca Fiorentini, Roberto Draghetti, Simone Mori, Tiziana Avarista, Oreste Baldini, Emanuela Damasio, Francesco Vairano, Dante Biagioni, Angelo Maggi, Franco Mannella, Gabriele Meoni, Graziella Polesinanti
Nazionalità: USA – Cina, 2016
Durata: 1h. 35′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 8 commenti a questo articolo:

  1. Anonimo ha detto:

    Niente Riferimenti alle “POLEMICHE ITALIANE” della Stepchild Adoption nella Recensione?
    Io avre detto “MONDO DEGLI ANIMALI” o “DEI PROTAGONISTI” e Non “DEGLI UMANI” visto che nel Film NON Compaiono.
    Ottimo Film e Apprezzatissimo Sequel ma Preferisco il Secondo per il Cattivo, in questo Capitolo mi è Sembrato Lasciato un po’ in Disparte.

  2. Francesco Binini ha detto:

    Sui riferimenti alle polemiche io e il direttore abbiamo discusso se metterli o meno. Ma in effetti è meglio così: la recensione resta e chi la leggerà magari tra un anno, quando il film passerà in TV, le polemiche saranno già ampiamente passate e nessuno se ne ricorderà più.

    Sul mondo degli umani, errore mio. Nel film lo chiamano “mondo dei mortali” (Alberto, riesci a correggere?): volevo cambiarlo ma poi mi è sfuggito, grazie della segnalazione.

  3. Alberto Cassani ha detto:

    Ahahaha… A discolpa di Francesco devo dire che lui il riferimento alle polemiche l’aveva messo, a fine recensione, ma io ho deciso di toglierlo perché secondo me non meritano neanche di essere prese in considerazione. E lui mi aveva proprio detto “ma vedrai che i lettori vorranno parlare anche di quello”.

  4. Anonimo ha detto:

    Hahaha Comunque secondo me è meglio non inserirla poichè è più Scorrevole, e poi avete ragione nel pensare che dopo un anno nessuno se ne ricorderà più.

  5. Marco ha detto:

    Reputo l’intera seria di livello poco più che sufficiente, col secondo episodio il migliore.
    Questo è si scorrevole, non annoia molto, però rasenta la sufficienza in generale data la scontatezza di successione degli eventi. Lo posiziono all’ultimo gradino della saga.

    Ammetto l’originalità delle tematiche in campo di animazione (il fatto di avere due padri, uno biologico e l’altro effettivo, non della storia trita e ritrita di migliorarsi per conoscere se stessi e bla bla bla), però focalizzandosi troppo sui questo si è lasciato in disparte l’antagonista, apparendo esso quasi come un riempitivo per allungare il brodo, difatti la sua dipartita è deludente anzichenò, anche se all’inizio era apparso come invincibile e fortissimo.
    La parte finale, inoltre, il film scema molto di ritmo, penalizzando quasi tutto quello che di buono si era visto prima.
    Personalmente poi, il Panda, non mi ha ispirato quasi mai tanta simpatia e le risate che mi ha suscitato nei tre film si contano sulle dita di una mano (de gustibus).

    Nota di merito per la sempre bella colonna sonora di Zimmer.

  6. Francesco Binini ha detto:

    Pensa che invece in casa mia il secondo episodio è quello meno apprezzato, perché troppo ‘dark’. Adesso che c’è la possibilità di vederli tutti e tre in casa, le mie figlie scelgono sempre il primo o il terzo e, in generale, il terzo è il più apprezzato. Forse anche perché il cattivo viene sconfitto (relativamente) facilmente e la parte di commedia è decisamente preponderante.

  7. Marco ha detto:

    Ovviamente qui gioca molto l’età anagrafica dello spettatore: il primo lo vidi a 18 anni e lo trovai discreto ma nulla più, il secondo a 21 e lo reputai migliore del precedente, il terzo ora che ne ho 27…

  8. Francesco Binini ha detto:

    La mia fortuna è che dopo i 25 ho smesso di compiere gli anni … 😀

Scrivi un commento








Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].