Stai leggendo:

“La rosa di Bagdad” in HD a Firenze

11 dicembre 2008 3 Commenti
11 Dicembre 2009

In occasione del suo 60° anniversario, il cartone animato La rosa di Bagdad di Anton Gino Domeneghini – il primo film italiano a colori – sarà proietttato  in alta definizione presso il cinema Odeon di Firenze il 15 dicembre 2009 nella sua nuova versione restaurata….


Cinema Odeon, piazza Strozzi, Firenze – 15 Dicembre 2009, h. 20:30

Cinecittà Luce, in collaborazione con Mediateca Regionale Toscana Film Commission, nell’ambito di 50 Giorni di cinema internazionale a Firenze presenta l’anteprima della nuova edizione restaurata in HD, in occasione del suo 60° anniversario, del primo film italiano a colori: La rosa di Bagdad di Anton Gino Domeneghini. Il film sarà preceduto dalla proiezione del documentario Una rosa di guerra – L’incredibile storia di “La rosa di Bagdad” di Massimo Becattini, alla presenza dell’autore.

Ma oltre a questa proiezione, ci saranno anche un libro illustrato di 60 pagine, un Blu-ray Disc e un DVD per celebrare il 60° anniversario di La rosa di Bagdad, un capolavoro di tecnica, poesia e delicatezza inventiva ispirato ai racconti delle Mille e una notte.

Folgorato dalla visione di Biancaneve e i sette nani (1937) di Walt Disney, Anton Gino Domeneghini concepisce il progetto di un lungometraggio d’animazione tutto italiano. Scrittura i migliori disegnatori in Italia (tra cui l’autore delle figurine Perugina Angelo Bioletto, Libico Maraja, Guido Zamperoni) e si lancia nell’avventura. Ma il bombardamento di Milano nell’ottobre del 1942 distrugge lo studio e Domeneghini è obbligato a trasferire tutta la squadra in due ville in provincia di Brescia. Il lavoro si protrae per sette anni, finché, nel 1947/48, le centinaia di migliaia di disegni prodotti vengono fotografati in Inghilterra. La storia della realizzazione del film si intreccia con le vicende della guerra, con il mondo della pubblicità e del cartone animato in Italia; la figura di Domeneghini è emblematica di una capacità imprenditoriale e creativa tutta italiana, in grado, nonostante la limitatezza dei mezzi, di competere perfino con lo studio di Walt Disney.

La rosa di Bagdad è stato il primo lungometraggio italiano d’animazione e insieme il primo film italiano in Technicolor (1949). Totò a colori verrà infatti solo tre anni dopo. Vincitore alla X Mostra di Venezia nella sezione Cinema per Ragazzi, è l’unico cartone animato italiano ad essere stato commercializzato all’estero: l’edizione inglese (con la voce dell’allora 17enne Julie Andrews) è del 1952; seguiranno le edizioni tedesca e olandese e, nel 1967, quella statunitense (The Singing Princess).

Dopo decenni di oblio, il film viene riscoperto e restaurato alla fine degli anni ’90 dalla Cineteca Nazionale ed editato oggi in un cofanetto in Alta Definizione da Cinecittà Luce, che ha avuto una menzione speciale agli Italian DVD Awards per aver realizzato con La rosa di Bagdad il primo Blu-ray di un film d’animazione italiano.

Contenuti del Blu-ray e del DVD

  • La rosa di Bagdad – il film (Ita 1949; edizione italiana; 76’)
  • Trailer (3’)
  • Una rosa di guerra – L’incredibile storia de La rosa di Bagdad (Ita, 2009; 64’)
    Il documentario di Massimo Becattini racconta la storia del film La rosa di Bagdad ricostruita attraverso i disegni originali inediti (bozzetti d’animazione, scenografie, rodovetri, etc.) ed i rarissimi spezzoni filmati in 35mm in b&n, oltre ai materiali provenienti dall’Archivio Luce e da archivi americani e francesi. Il documentario si completa con le interviste ai protagonisti della vicenda, nei luoghi in cui questa si svolse.
  • Dopo la rosa (15’) – documentario di Massimo Becattini.
  • Il restauro de La Rosa (7’) – documentario di Massimo Becattini.
  • La passeggiata (Ita; 1953; 8’) – film di A. G. Domeneghini.
  • Ballata impressionista (Ita; 1954; 8’) – film di A. G. Domeneghini

Caratteristiche tecniche DVD

  • Durata: 73 minuti ca.
  • Video: High Definition – 1.33:1 (1080p pillar box)
  • Audio: italiano PCM stereo non compresso

Caratteristiche tecniche Blu-ray

  • Durata: 73 minuti ca.
  • Video: PAL 1 – 1.33:1
  • Audio: italiano Dolby Digital 2.0

La rosa di Bagdad è disponibile in videoteca e libreria, anche nelle due edizioni DVD (disco singolo) e BLU-RAY (disco singolo), senza il libro illustrato.


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.

Attualmente ci sono 3 commenti a questo articolo:

  1. [...] LA ROSA DI BAGDAD (Italia/1949) di Anton Gino Domeneghini – Cinecittà Luce (Italia) [...]

  2. Mirco scrive:

    Ho appena visto il film nell’edizione DVD che mi sono appena comperato.
    ho 56 anni e per me, quando ero giovanissimo questo film è stato un mito… direi anchepiù di Biancaneve. Rivederlo è stato bellissimo: anche se saranno passati 40 anni dall’ultima volta che l’ho visto mi ricordavo battute e scene a memoria. Direi che era un pezzo che non tornavo così “bambino”.
    P/s il restauro video è perfetto. L’audio è un po’ “stridente”. I contenuti speciali sono come un seciondo film. Consigliato!

  3. Alberto Cassani scrive:

    E’ capitata anche a me una cosa simile, l’anno scorso. Avevo trovato in Francia il DVD di “Aladino e la lampada magica”, che quand’ero bambino veniva trasmesso in Tv ogni Natale puntuale come una cambiale. Nonostante la lingua fosse diversa, perché c’era solo il francese, è stata un’esperienza…

    Purtroppo restaurare l’audio di un film è una cosa ancor più complicata che restaurare la parte video. Un paio d’anni fa fu presentato il restauro dei “Fratelli Dinamite” di Nino e Toni Pagot, e anche lì l’audio era pessimo (cosa gravissima, trattandosi di un musical). Invece “Putiferio va alla guerra”, che ha tra i doppiatori Rita Pavone, era stato restaurato molto bene anche come audio, ma magari si era partiti da una situazione migliore.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 10 al 13 aprile

Siti utili