Stai leggendo:

"La Spada a tre lame" di Albert Pyun

6 dicembre 2004 Recensioni 0 Commenti
CineFile

Titanus, 1982 – Ingenuo

In un tempo quando ancora il Mondo era giovane, quando i maghi esercitavano la loro Arte e gli avventurieri viaggiavano alla ricerca di imprese da compiere e donne da amare, Talon mette la propria spada e quella dei suoi uomini al servizio dell’esercito che vuole metter fine al regno dell’uomo che gli ha ucciso il padre…


Lee HorsleyErano i primi anni Ottanta quando, sulla scorta dell’attesa derivante dal Conan con Schwarzenegger e del successo del gioco di Dungeons & Dragons, Hollywood metteva in produzione un film di cappa, spada e magia dietro l’altro. La maggior parte avevano il difetto di prendersi troppo sul serio, non riuscendo a supportare in fase di produzione l’aura mitica e mitologica che i progetti avrebbero dovuto avere.
Richard LynchThe Sword and the Sorcerer (nomen omen) è invece dotato di quell’ironia capace di far dimenticare la pochezza dell’intreccio, la piattezza della realizzazione e forse persino l’inascoltabilità delle musiche. In effetti, il regista e co-sceneggiatore Albert Pyun si impegna per nascondere il più possibille le scenografie di plastica e la permanente del suo protagonista, ma a colui che diec’anni dopo dirigerà il Capitan America con Francesca Neri non si possono chieder miracoli…

Lee Horsley e Kathleen BellerNell’idea del produttore Brandon Chase (che i titoli di testa accreditano come vero autore del film), le avventure del Principe Talon avrebbero dovuto continuare in una seconda pellicola, Tales of the Ancient Empire, ma nonostante i 40 milioni di dollari incassati, la saga si fermò qui. E forse è un peccato, perché al di là anche della bellezza di Kathleen Beller, tutto sommato La Spada a tre lame rappresenta 100 minuti di moderato ma non cattivo intrattenimento. Anche per lo smaliziato pubblico di oggi, abituato a ben altri effetti speciali.


La locandinaTitolo: La Spada a tre lame (The Sword and the Sorcerer)
Regia: Albert Pyun
Sceneggiatura: Tom Karnowski, John V. Stuckmeyer, Albert Pyun
Fotografia: Joseph Mangine
Interpreti: Lee Horsley, Kathleen Beller, Richard Lynch, Simon MacCorkindale, George Maharis, Richard Moll, Anthony De Longis, Robert Tessier, Nina Van Pallandt, Anna Bjorn, Jeff Corey, Joseph Ruskin, Joe Regalbuto
Nazionalità: USA, 1982
Durata: 1h. 40′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.