Stai leggendo:

"La sposa turca" di Fatih Akin

12 ottobre 2004 Recensioni 1 Commento

Bim, 15 Ottobre 2004 – Appassionato

Cahit è preda di un’angoscia esistenziale che lo ha portato al tentativo di suicidio e all’abuso di alcol e droghe. Sibel lo convince a sposarla, così da permetterle di lasciare la famiglia rigida e conservatrice. Lei assapora la sua nuova libertà, lui riacquista poco a poco il gusto di vivere…


La cosa che unisce di più Cahit e Sibel, i due personaggi di questa storia, è la disperazione, la paura di vedersi passare la vita davanti senza mai essere riusciti ad assecondare la loro natura o le loro frivolezze. Essere completamente se stessi è già di solito molto difficile, ma per due ragazzi di origine turca emigrati in Germania che hanno un carattere a dir poco ribelle, può risultare quasi impossibile.

Birol Ünel e Sibel KekilliLei, Sibel, è una giovane e bella ragazza che più volte ha tentato il suicidio per cercare di allontanarsi da una famiglia severa e fanaticamente osservante delle tradizioni religiose, mentre Cahit è un trentenne col vizio dell’alcol, dei locali notturni e della vita sbandata, che non fa che pensare di togliersi la vita e mettere così fine alla sua depressione. I due si conoscono per caso e Sibel come prima cosa gli chiede se sarebbe disposto a sposarla, senza impegni affettivi s’intende, ma solo per liberarla dalla prigionia in cui i suoi la costringono. Lui accetta il patto senza pensarci troppo e senza sospettare minimamente di come la convivenza sarà in grado di cambiare un rapporto e di come l’amore per una donna possa esasperare certi comportamenti e portarli all’estremo…

Una scenaI minuti iniziali de La sposa turca sembrano preannunciare il solito doloroso film sulla difficoltà di integrazione sociale di immigrati (di solito di religione musulmana) che non riescono per varie ed ovvie ragioni a scrollarsi di dosso le proprie origini, e per questo sono pronti a commettere anche gesti estremi. La durezza delle immagini ed il modo brutale con cui il regista tedesco di origine turca Fatih Akin cerca di catapultarlo nel difficile contesto dei protagonisti, da subito disorientano non poco lo spettatore. C’è però da dire che con il passare del tempo quella sensazione di stordimento si attenua ed il film rallenta notevolmente i ritmi; tutto assume man mano una straordinaria emotività, si ha come la strana sensazione di avere di fronte un uomo e una donna che si tormentano e inseguono a vicenda ma le cui strade si incroceranno troppo tardi e mai fino in fondo.

Birol Ünel e Sibel KekilliUna storia d’amore intensa e fuori da qualsiasi cliché, due attori spavaldi ed intriganti con due facce non bellissime ma estremamente convincenti ed espressive, che rispecchiano perfettamente quel che i loro personaggi vivono in fondo all’anima e che con la sapiente mano del regista hanno raccontato e vissuto per noi un piccolo grande dramma. Una storia fatta di atmosfere cupe e squallide, della triste realtà fatta di solitudini e degrado in cui molti immigrati vivono ogni giorno e cercano con fatica di costruire qualcosa di importante per il loro futuro fuggendo dalle proprie radici e dalla propria identità. Ed è a questo che alla fine si avrà la sensazione di aver assistito, alla fine: ad una lunga fuga da ciò che i due erano, ad una trasformazione dolorosa, sofferta ma forse necessaria per vivere in un mondo che non accetta diversità di alcun genere.

Vincitore dell’Orso d’oro alla 54esima edizione del Festival di Berlino, La sposa turca è un film senza pretese, fatto con passione, girato con classe e dedicato ad un pubblico cinematograficamente maturo che abbia voglia di emozionarsi e recepire, non solo di guardare.


La locandinaTitolo: La sposa turca (Gegen die Wand)
Regia: Fatih Akin
Sceneggiatura: Fatih Akin
Fotografia: Rainer Klausmann
Interpreti: Birol Ünel, Sibel Kekilli, Catrin Striebeck, Güven Kýraç, Meltem Cumbul, Cem Akin, Aysel Iscan, Demir Gökgöl, Stefan Gebelhoff, Hermann Lause, Adam Bousdoukos, Ralph Misske, Mehmet Kurtulus, Zarah McKenzie, Francesco Fiannaca
Nazionalità: Germania, 2004
Durata: 2h. 03′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente c'è 1 commento a questo articolo:

  1. El Duderino scrive:

    La disperazione anni 2k.
    Lei è stranamente seducente.
    Lui taglia lo schermo ogni volta che guarda.

    Non capisco il senza pretese

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.