Stai leggendo:

"L'amore non basta mai" di Maria Blom

3 ottobre 2005 Recensioni 0 Commenti
CineFile

Teodora, 7 Ottobre 2005 – Agrodolce

Mia, Gunilla ed Eva sono tre sorelle distanti tra loro come età e stile di vita. Mentre Mia è andata a vivere a Stoccolma e Gunilla ha appena divorziato dal marito, Eva è rimasta al villaggio natale a prendersi cura del marito, della figlia e dei genitori. Le tre sorelle si ritrovano per i settant’anni del padre…


Una scena di L'amore non basta maiMia è una single trentenne che vive una vita disordinata, tra le discoteche di Stoccolma e la ditta di elettronica per cui lavora. Sua sorella maggiore Gunilla è appena stata in vacanza a Bali, dov’era andata anche per lasciarsi alle spalle il recente divorzio. Eva, la sorella di mezzo, vive nel paesino della Dalarna – vicino al confine con la Norvegia – in cui tutte loro sono nate e cresciute, prendendosi cura dei loro genitori oltreché di suo marito e di sua figlia. E’ lei che ogni anno organizza la festa che celebra il compleanno del padre, anche se da ormai diec’anni in quell’occasione succede puntualmente qualcosa di spiacevole. Ogni anno, da quando un abitante del luogo scelse proprio quel giorno per spararsi in bocca. Ma quest’anno si festeggiano i 70 anni del padre di Eva, Gunilla e Mia, ed Eva ha deciso di fare le cose in grande. Il ritorno di Mia dopo diversi anni di assenza, però, complica le cose…

Sofia Helin e Lars-Gunnar Aronsson in L'amore non basta maiEsordio nel lungometraggio di una giovane ma già afferamata regista teatrale, che qui adatta una sua pièce del 2001, L’amore non basta mai è una commedia con risvolti drammatici che racconta quanto sia difficile dimostrare amore verso chi davvero ci sta a cuore. O, forse, sarebbe meglio dire che è un piccolo dramma familiare condito dal tipico umorismo di provincia. Non è un caso che il titolo internazionale della pellicola sia Dalecarlians, gli abitanti della Dalecarlia, il nome latino della Dalarna.

Ann Petrén e Sofia Helin in L'amore non basta maiPur giocando col paesaggio e la realtà dei luoghi da cui lei stessa proviene, Maria Blom mette in scena un testo realmente universale, certo piuttosto “facile” se non addirittura banale, eppure convincente. E’ un testo garbato e intelligente, appena svilito dal mediocre doppiaggio italiano. Un testo ricco di spunti e di svolte, che concede poco all’eccesso ma molto agli attori. In particolare, la graziosa Sofia Helin (che aveva già lavorato con la Blom a teatro) porta sul volto lo straniamento di chi non si raccapezza più in un luogo che una volta chiamava casa, così come l’insicurezza di chi inizia a dubitare della propria felicità.

Maja Andersson, Kajsa Ernst e Sofia Helin in L'amore non basta maiSe le tre sorelle appaiono in realtà come tre facce dello stesso personaggio – tre modi diversi di reagire alla stessa situazione esistenziale – i personaggi secondari sono macchiette efficaci e veritiere, ancorché incomplete. Esagerati – loro sì – ma perfetti contraltari della trama principale. Trama cui fanno da sottofondo le belle musiche di Anders Nygårds, che alle orecchie di noi latini suonano quasi celtiche ma che sono una parte importante del quadro filmico dipinto qui da Maria Blom. Un quadro certamente imperfetto, ma decisamente brillante.


La locandina di L'amore non basta maiTitolo: L’amore non basta mai (Masjävlar)
Regia: Maria Blom
Sceneggiatura: Maria Blom
Fotografia: Peter Mokrosinski
Interpreti: Sofia Helin, Kajsa Ernst, Ann Petrén, Lars-Gunnar Aronsson, Barbro Enberg, Joakim Lindblad, Inga Ålenius, Willie Andréason, Peter Jankert, Maja Andersson, Lars Gunnar Björklund, Alf Nilsson, Lisa Åmwall, Anders Bjernulf
Nazionalità: Svezia, 2004
Durata: 1h. 38′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.