Stai leggendo:

L'amore oltre la guerra di David Leveaux

27 febbraio 2018 Recensioni 0 Commenti
L'amore oltre la guerra

Trasmesso in Tv – Diviso

All’inizio della Seconda Guerra Mondiale, il Capitano Brandt è mandato a controllare il Kaiser Guglielmo II. Vivendo nel palazzo del monarca si innamora di una domestica, ma di lì a poco, la vita di tutti sarà sconvolta dalla notizia della visita di Himmler, che potrebbe fare al Kaiser una proposta…


David Leveaux è principalmente un regista teatrale, qui alla sua prima regia cinematografica. Lo sceneggiatore Simon Burke ha invece lavorato soprattutto in televisione e ha poca esperienza sul fronte cinematografico. Forse l’inesperienza di due dei personaggi chiave nella realizzazione del film è alla base di alcune vistosissime cadute di tono. L’amore oltre la guerra ha un paio delle scene di sesso più tristi che si siano mai viste al cinema e un finale arrabattato che si gioca buona parte del credito fino a lì conquistato presso lo spettatore. La trama principale è quantomeno banale e ha la stessa tensione di un film di Paperino.

L’ambientazione storica è quella dell’inizio della Seconda Guerra Mondiale, quando le armate di Hitler sembravano inarrestabili. La storia si svolge in particolare nel palazzo di Doorn, nei Paesi Bassi, dove il Kaiser Guglielmo II trascorse in esilio gli ultimi anni della propria vita. E proprio il Kaiser – la sua vita, i suoi pensieri, il suo interesse nella guerra e il suo rapporto con il nazismo – sono la parte più interessante del film, troppo spesso lasciati in secondo piano per far posto a una storia d’amore (e guerra) insipida e poco originale. I due piani del racconto restano sempre piuttosto separati e hanno due “prese” completamente diverse sullo spettatore: quando in scena c’è Christopher Plummer il grado di interesse è altissimo, complice l’ottima performance dell’attore; quando invece l’attenzione si sposta sul duo Courtney/James, l’interesse scema inevitabilmente, nonostante i due attori offrano delle interpretazioni di buon livello (più Courtney della James, a dire il vero). Fortunatamente, la vicenda spionistica diventa sempre meno importante e la pellicola si concentra sempre di più sulle vicende del Kaiser e sul suo incontro con Himmler (meravigliosamente interpretato da Eddie Marsan), ritratto come un viscido personaggio e spietato assassino che descrive con cruda freddezza gli esperimenti in corso sugli ebrei.

Il difetto principale di L’amore oltre la guerra è il non far capire che tipo di film si sta guardando, perché per gran parte del tempo si è in attesa di una svolta nella vicenda spionistica (che sembra essere quella principale), quando invece tutta l’attenzione è attirata dalla personalità del Kaiser. In realtà, il film di Leveaux avrebbe anche un elevato valore di tipo documentaristico: la figura di Guglielmo II è in generale poco frequentata dal cinema, soprattutto negli anni del suo lungo esilio in concomitanza con l’ascesa e l’esplosione del nazismo. La visione del film potrebbe essere consigliata a un pubblico di ragazzi, che si troverebbero davanti un film non eccelso ma con ottime interpretazioni, e che mostra il vertice della potenza del nazismo da una prospettiva insolita e molto interessante. Tutto sommato, L’amore oltre la guerra è un film accettabile, nettamente diviso dalle vicende raccontate, ma comunque con alcuni ottimi momenti e un intento comunque nobile nel trattare da una prospettiva inusuale quella vergognosa pagina di storia che fu il nazismo.


La locandinaTitolo: L’amore oltre la guerra (The Exception)
Regia: David Leveaux
Sceneggiatura: Simon Burke
Fotografia: Roman Osin
Interpreti: Jai Courtney, Lily James, Christopher Plummer, Eddie Marsan, Janet McTeer, Ben Daniels, Mark Dexter, Dean Constantin, Martin Swabey, Verona Verbakel
Nazionalità: Regno Unito – USA, 2016
Durata: 1h. 47′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].