Stai leggendo:

"Le deuxième souffle" di Alain Corneau

18 ottobre 2007 Recensioni 0 Commenti
Festival di Roma 2009

Inedito in Italia – Stucchevole

Francia, anni ’60. Gustave Minda detto “Gu” è un famoso gangster appena evaso di prigione. Tutta la polizia francese si mette in caccia, perché Gu è un pesce grosso. Il suo piano è di fuggire in Italia con la sua donna, ma per riuscirci ha bisogno di fare un ultimo lavoro…


Una scenaCi sono dei film che appaiono perfetti sulla carta, un po’ per la storia, un po’ perché si sceglie una realizzazione di classe con attori glamour, belle ambientazioni e utilizzando un genere, il gangster-movie, difficile ma anche affascinante. L’ultima fatica di Alain Corneau è un film perfetto sulla carta, ma solo su quella.

Il cinema francese è, dopo quello statunitense, il migliore che ci sia. I francesi hanno star, produzioni, autori validi e sistemi di garanzia e di protezione delle opere. Non si parla di crisi o di fasi stagionali come accade in Italia. Spesso, però, bisogna prestare attenzione e capire quali film si guardano, se quelli giusti o quelli virtuali, quindi finti. Questo Le deuxième souffle appartiene a quest’ultimo gruppo.
Daniel AuteilPur basandosi su un altro film degli anni ’60 (diretto da Jean-Pierre Melville, con Lino Ventura), questo noir non riesce a mantenere fede alla grande tradizione del genere. I tempi dei Diabolici di Clouzot sono lontani anni luce, mentre si fa viva e pedante la voglia di un affresco cartolina. Il classicismo estetico e laccato di Tutte le mattine del mondo, grande successo internazionale del regista, ritorna baldanzoso con inutili squarci color oro, tanto belli quanto inutili, e molti interni tentano di fare il verso al Wong Kar Wai di In the Mood for Love.

Monica Belucci ed Eric CantonaSe visivamente il film può essere appagante pur nella sua stucchevolezza, il problema di fondo rimane nella sceneggiatura: arraffante, affaticata e implausibile. Per due ore e mezzo lo spettatore viene messo a dura prova di fronte a dialoghi ridicoli e scene madri che tali non sono e non diventano mai. C’è la voglia di fare un capolavoro, ma non ci sono i presupposti necessari.

Se per Daniel Auteuil il mestiere è robusto e lodevole anche in un pasticciaccio come questo, Monica Bellucci in versione bionda conferma la sua poca duttilità con ruoli troppo impegnativi. Per la bellissima attrice c’è bisogno di un regista che la guidi e la ami, traendo il meglio dalle sue grazie. Alain Corneu non è quel regista.


La locandina franceseTitolo: Le deuxième souffle
Regia: Alain Corneau
Sceneggiatura: Alain Corneau
Fotografia: Yves Angelo
Interpreti: Daniel Auteuil, Monica Bellucci, Michel Blanc, Jacques Dutronc, Eric Cantona, Gilbert Melki, Daniel Duval, Nicolas Duvauchelle, Philippe Nahon, Jacques Bonnaffé, Jean-Paul Bonnaire, Jean-Claude Dauphin, Albert Goldberg
Nazionalità: Francia, 2007
Durata: 2h. 35′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)