Stai leggendo:

Life - Non oltrepassare il limite di Daniel Espinosa

23 gennaio 2018 Recensioni 2 Commenti
Life - Non oltrepassare il limite

Warner, 23 Marzo 2017 – Ancestrale

La Stazione Spaziale Internazionale recupera dei campioni prelevati su Marte. Gli scienziati, a bordo, riescono anche a riattivare una cellula vivente trovata in quei campioni, ma l’essere marziano comincia ben presto a crescere e a mostrare la propria aggressività…


Life chiede molto allo spettatore, perché la sospensione dell’incredulità è molto spesso oltre la soglia massima. Tuttavia, se si è disposti ad aprire un credito illimitato nei confronti dell’incoerenza scientifica, il film diventa a tratti accettabile. La forza di Life – Non oltrepassare il limite (anche se non è ben chiaro quale sia il limite cui fa riferimento il titolo italiano) sta proprio nell’alieno assassino e distruttore: le scene migliori sono proprio quelle in cui la creatura venuta da Marte uccide o stritola le sue vittime. Espinosa sa ben sfruttare alcune fobie ancestrali dell’essere umano per costruire scene claustrofobiche ed estremamente efficaci: la paura dell’ignoto, chiudere alcune persone in un ambiente chiuso e ostile sono le uniche armi davvero efficaci che il film ha, ed Espinosa riesce a sfruttarle.

Sfortunatamente, le scene in cui l’alieno è in azione e uccide sono le uniche a essere valide: le sequenze di raccordo sono inutili e farraginose, e lasciano il tempo allo spettatore di ragionare su quello che sta guardando, rendendolo consapevole che non ha alcuna base logico-scientifica. È possibile che sotto la crosta azione/horror/fantascienza, Espinoza (e gli sceneggiatori) volesse realizzare un film che fosse anche un monito: sperimentare con la vita può essere pericoloso. Si potrebbe intendere Life come un riferimento all’ingegneria genetica, sempre più presente, o agli studi per trovare la vita al di fuori del sistema solare. Purtroppo, però, il messaggio si perde nel mare di incongruenze logiche in cui è immerso, e quello che rimane è un mediocre film di intrattenimento. Va comunque dato atto al regista di saper utilizzare il mezzo e saper creare tensione quando occorre.

Se la realizzazione tecnica è altalenante, la componente artistica è quasi sempre di basso livello. Jake Gyllenhaal, Rebecca Ferguson e Ryan Reynolds – i tre attori di punta della pellicola – si impegnano al minimo sindacale in parti che sono abbastanza piatte e che impongono loro di urlare comandi o brevi frasi per gran parte del tempo. Life non è un film completamente da buttare: alcune sequenze sono davvero intense e riescono a smuovere sensazioni ataviche, oltre che a chiudere la bocca dello stomaco, ma tutto sommato è un film come tanti altri, di cui probabilmente nessuno si ricorderà tra qualche anno: più adatto per una serata sul divano di casa mangiando pop-corn che per una serata al cinema.


La locandina di Life - Non oltrepassare il limiteTitolo: Life – Non oltrepassare il limite (Life)
Regia: Daniel Espinosa
Sceneggiatura: Rhett Reese, Paul Wernick
Fotografia: Seamus McGarvey
Interpreti: Jake Gyllenhaal, Rebecca Ferguson, Ryan Reynolds, Hiroyuki Sanada, Olga Dykhovichnaya, Ariyon Bakare
Nazionalità: USA, 2017
Durata: 1h. 44′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 2 commenti a questo articolo:

  1. Marco ha detto:

    Il suo compito di avermi intrattenuto lo ha svolto egregiamente.
    Non potevo immaginare ad una sorta di “Alien 2.0” ma ciò non mi ha affatto disturbato.
    Molto valide le scenografie e gli effetti speciali. Anche la musica sottolinea i passaggi “thrilling” discretamente.
    C’è da dire, però, che poco prima del finale a sorpresa, chi è avvezzo un pò al genere, lo intuisce in anticipo, come ho fatto io 😀

    Budget e incassi complessivi? (Wikipedia al momento è off).

  2. Alberto Cassani ha detto:

    Wikipedia dovrebbe rimanere inaccessibile per un po’, a quanto leggevo ieri. Comunque “Life” è costato poco meno di 60 milioni ma ne ha incassati solo 30 in America e una settantina nel resto del mondo. Non proprio un successone, ma si sarebbe potuto risparmiare qualcosa, secondo me.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].