Stai leggendo:

"L'ultimo crodino" di Umberto Spinazzola

5 marzo 2009 Recensioni 0 Commenti
Alessandro Barbero, 5 Marzo 2009: Agrodolce
Mikado, 20 Marzo 2009

Due onesti lavoratori benvoluti da tutti ma assillati dai debiti decidono di dare una svolta alla loro vita, decidono di organizzare un rapimento. Non sentendosela di rapire qualcuno vivo, decidono di rapire un morto. Ma non un morto qualunque, bensì uno di quelli importanti: Enrico Cuccia…


Nel Giugno del 2000 morì Enrico Cuccia, padre e padrone del sistema bancario italiano, uomo dai mille misteri e dal potere sconfinato. Nella primavera dell’anno successivo i giornali si riempirono di una notizia drammatica. La bara di Cuccia era stata trafugata e qualcuno aveva chiesto un riscatto per restituirla. I protagonisti di questa singolare “iniziativa” furono Franco Bruno Rapelli e Giampaolo Pesce. L’ultimo crodino è la ricostruzione di quell’evento, basata sugli atti del processo ai due uomini, e ne sottolinea gli aspetti drammatici, quelli grotteschi e quelli apertamente comici.

Ricky Tognazzi interpreta il ruolo di Crodino, soprannome del Rapelli dovuto al suo aperitivo preferito; Enzo Iacchetti quello di Pes, diminutivo di Pesce ma anche di pessimista, come è il carattere dell’uomo. I due sono vittime di una società che ha messo loro i bastoni tra le ruote, sono dei poveri disgraziati che, trovandosi in una situazione di vita molto difficile, escogitano il piano del rapimento della bara di Cuccia per riscattarsi dalla loro condizione. Il fatto è che i due non sono per niente dei criminali e portando a compimento il loro piano ne combinano di tutti i colori. Il dramma sfuma così in una comicità fresca ma profonda, è un ridere amaro che porta lo spettatore a parteggiare per i due protagonisti, come accade sempre quando ci si trova di fronte a dei perdenti, onesti e troppo ingenui.

Sia Tognazzi che Iacchetti sono nella loro parte. C’è poi Callisto, interpretato da Dario Vergassola, che fa il barista all’interno del luogo in cui il piano del rapimento prende forma. E c’è, infine, Serena Autieri che interpreta Patrizia, la moglie di Crodino, donna concreta esattamente come non lo è Crodino.

E’ una bella storia di ordinaria disperazione, una storia d’altri tempi, un tipo di storia poco raccontata al cinema, quella di uomini buoni ed ingenui che commettono un errore, che chiedono scusa e che vengono perdonati.


Titolo: L’ultimo crodino
Regia: Umberto Spinazzola
Sceneggiatura: Michele Pellegrini, Francesco Cenni, Federico Mazzei
Fotografia: Luciano Federici
Interpreti: Ricky Tognazzi, Enzo Iacchetti, Serena Autieri, Marco Messeri, Enzo Provenzano, Dario Vergassola, Elena Sofia Tognocchi
Nazionalità: Italia, 2008
Durata: 1h. 40′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.