Stai leggendo:

Marriage Story di Noah Baumbach

2 settembre 2019 Recensioni 0 Commenti
Marriage Story

Netflix, 6 Dicembre 2019 – Coinvolgente

Charlie e Nicole vivono a New York e sono una coppia affiatata nel lavoro come nella vita privata. Quando il loro matrimonio entra in crisi, decidono di separarsi in modo amichevole, ma le cose si complicano non appena Nicole si trasferisce in California portando con sé il figlio e si rivolge a un avvocato per gestire la causa di divorzio…


Marriage Story, uno dei tre film targati Netflix presentati alla 76ª Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia è, come indica il titolo stesso, il ritratto di una relazione che ha smesso di funzionare, l’analisi del rapporto tra due persone consapevoli della necessità di dividersi anche se incapaci di rinunciare al legame affettivo che li lega.

Si può sopravvivere a divorzio? Come, con quali conseguenze? Questi sono alcuni degli interrogativi che la pellicola diretta da Noah Baumbach sembra porsi, esplorando ogni aspetto della relazione dei due protagonisti, dai momenti di gioia a quelli di dolore, in un crescendo emotivo che percorre tutto il film. Nella bella e toccante scena d’apertura, li vediamo descriversi reciprocamente mettendo in evidenza pregi e difetti dell’uno e dell’altra, mettendo in luce più i primi dei secondi, quasi a volere sottolineare le qualità del partner nonostante la relazione sentimentale sia ormai compromessa.

Il regista segue costantemente i volti di Charlie e Nicole con la macchina da presa, e i numerosi primi piani sono rivelatori dei loro diversi stati d’animo e rendono gli spettatori partecipi delle loro emozioni. Tuttavia, nonostante il tema trattato, Marriage Story non è un film drammatico, anzi oscilla tra commedia e dramma grazie a una sceneggiatura brillante, caratterizzata da dialoghi vivaci e battute caustiche che i due protagonisti si scambiano, e che aumentano con l’entrata in scena degli avvocati divorzisti, in particolare quella del legale di Nicole interpretato da una strepitosa Laura Dern, segna il punto di svolta nel ritmo narrativo e permette al regista anche una riflessione sul sistema legale e le cause per l’affidamento dei figli.

I punti di forza del film, probabilmente uno dei migliori diretti da Baumbach, sono la sceneggiatura brillante ed efficace, e le notevoli interpretazioni dei due protagonisti Scarlett Johansson e Adam Driver. In uno dei momenti più intensi della pellicola, durante un duro scontro verbale i due protagonisti si rinfacciano di tutto, una scena emotivamente intensa con i due interpreti che fanno a gara tra chi è più bravo. Merito anche di Baumbach, che dirige i suoi attori con mano sicura, raccontando una storia avvincente e realistica.


La locandinaTitolo: Marriage Story (Id.)
Regia: Noah Baumbach
Sceneggiatura: Noah Baumbach
Fotografia: Robbie Ryan
Interpreti: Scarlett Johansson, Adam Driver, Laura Dern, Albert Jones, Mark O’Brien, Ray Liotta, Merritt Wever, Wallace Shawn, Alan Alda, Kyle Bornheimer, Julie Hagerty, Ayden Mayeri, Mary Hollis Inboden, Mickey Sumner, Martha Kelly
Nazionalità: USA, 2019
Durata: 2h. 16′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].