Stai leggendo:

"Minions" di Kyle Balda & Pierre Coffin

9 ottobre 2015 Recensioni 4 Commenti
Minions

Universal, 27 Agosto 2015 – Brandizzante

I minion esistono dall’alba dei tempi. Hanno sempre servito il più cattivo dei cattivi, in ogni epoca. Causandone spesso la prematura fine. Nel 1968 arrivanno prima a New York, poi a Orlando e infine in Inghilterra, dove trovano finalmente una nuova cattiva da servire: Scarlet Sterminator…


Bob, Kevin e Stuart in MinionsBanane con sopra i minion, Tic Tac con i minion disegnati, Happy Meal con un minion in regalo. Il merchandising ha avuto sicuramente successo. Folle di persone sono corse nei cinema di tutto il mondo per vedere un film francamente brutto. Forse, più che brutto, Minions è un film inaspettato perché non mantiene quello che promette. I primi minuti (che sono sostanzialmente il trailer molto allungato) sono i più divertenti, con le gag più riuscite; poi la pellicola si trasforma molto velocemente nel classico cartone d’azione, lasciando da parte le risate e concentrandosi sullo sviluppo del personaggio della cattivissima e della storia a lei associata. In tutta questa parte centrale, di fatto, non si ride mai perché i minion fanno ridere quando fanno danni, fanno ridere quando sbagliano, non quando riescono a realizzare i loro progetti. E difatti si ride tanto all’inizio e alla fine, quando i minion tornano a essere i soliti pasticcioni; si ride durante i titoli di coda intervallati dalle solite scenette (senz’ombra di dubbio la dimensione ideale in cui far muovere questo tipo di personaggi) e pure dopo, quando i nostri cantano “Revolution”, ma mai durante la parte centrale del film.

Una scena di MinionsQuindi un film senza alcuna pretesa artistica, nato con l’unico scopo di far ridere il pubblico affezionato alle “pillole gialle”, sbaglia completamente l’obiettivo, rivelandosi un film banale, a tratti noioso e sostanzialmente inutile. Certo, non inutile per la Universal, che si è trovata per le mani un film con un incasso stratosferico (oltre un miliardo di dollari nel mondo) e dei personaggi che possono essere venduti ovunque a chiunque in qualsiasi maniera e, quindi, infinitamente redditizi. In mezzo, ci sarebbe anche un film che però, di tutta l’operazione, è la parte più debole.

Herb e Scarlet Sterminator in una scena di MinionsSi sono levate alcune critiche sulla versione italiana, doppiata per quel che riguarda i personaggi principali alla collaudatissima coppia televisiva Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, ma in realtà i due non sfigurano. Forse i timori maggiori erano per una Littizzetto che avrebbe rischiato di caratterizzare troppo il personaggio con la sua forte personalità. In realtà, a parte un lieve accetto torinese, il lavoro della comica è ottimo. Oltretutto un personaggio che si chiama Scarlet Sterminator sembra scritto apposta per lei. In ogni caso Minions è un film sbagliato e prolisso che spreca i personaggi per i quali è stato costruito. Certo, i bimbi si divertiranno comunque e poi, naturalmente, chiederanno qualsiasi gadget possibile.


La locandina di MinionsTitolo: Minions (Id.)
Regia: Kyle Balda, Pierre Coffin
Sceneggiatura: Brian Lynch
Fotografia:
Dopppiatori: Luciana Litizzetto, Fabio Fazio, Riccardo Rossi, Selvaggio Lucarelli, Ralph Palka, Roberta Pellini, Max Giusti, Roberto Stocchi, Monica Ward, Stefano Macchi, Paolo Buglioni, Manfredi Aliquò, Paolo De Santis, Oreste Baldini, Alberto Angela
Nazionalità: USA, 2015
Durata: 1h. 31′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 4 commenti a questo articolo:

  1. Paolo ha detto:

    io toglierei “i bimbi si divertiranno comunque”..la sala dove sono stato io era piena di bambini e nemmeno loro hanno riso una volta che sia una durante il film…io ho riso la prima volta a 5 minuti dalla fine

  2. Francesco ha detto:

    Di risate ne ho sentite poche anch’io, ma la sensazione che ho avuto è che i bambini in sala comunque fossero soddisfatti e divertiti e non annoiati o delusi, e quando mi capita di parlare con qualche genitore che ha portato i figli al cinema a vedere il film mi confermano che a tutti è piaciuto molto. Gli adulti mi confermano invece la loro delusione.

  3. Marco ha detto:

    Sapevo già a cosa andavo incontro e difatti le uniche risate mie sono state su di una gag all’inizio e la scena delle guardie reali, per il resto non troppo noioso (grazie alla sapiente regia e alla caratterizzazione dei personaggi) ma neanche divertente.
    Ovviamente non ci si aspettava la profondità di scrittura di un film Pixar.
    Interessante invece l’ambientazione fine ’60’s e la conseguente colonna sonora.

    Albe della Illumination il tuo preferito e quello che ritieni migliore?
    Personalmente i film a me hanno divertito quanto basta ma da qui a volerli rivedere o da custodire (come un qualsiasi film Pixar) ve ne passa.

  4. Marco ha detto:

    Ho letto solo ora la tua risposta ala mia analoga domanda sul forum di “Cattivissimo Me”

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].