Stai leggendo:

No. 7 Cherry Lane di Yonfan

4 settembre 2019 Recensioni 0 Commenti
Il manifesto del Festival di Venezia 2019

Inedito in Italia – Ieratico

Ziming dà lezioni di inglese a Meiling, figlia della signora Yu. Lentamente si innamora proprio della signora Yu, con la quale va spesso al cinema, mentre Meiling si innamora di lui. Sullo sfondo, le proteste di Hong Kong del 1967…


Per quella che è evidentemente una scelta estetica del regista, in No. 7 Cherry Lane tutti i movimenti sono artificialmente rallentati, rendendo in questo modo la pellicola più ieratica ma contemporaneamente molto meno incisiva. Di base, l’intreccio è sostanzialmente un melodramma con, sullo sfondo, eventi storici realmente avvenuti. Purtroppo, le proteste rimangono sempre troppo sullo sfondo e non arrivano mai in primo piano, non incidendo mai sulla vita dei protagonisti. Quello che rimane, quindi, è solo la trama, che però non è né originale né particolarmente appassionante.

Yonfan compie anche alcune scelte (sicuramente facilitato dal fatto di utilizzare come mezzo espressivo il cartone animato) decisamente poco comuni, ma che arrivano all’improvviso e che nulla sembrano avere a che fare con lo stile di narrazione scelto. Di fatto, si ha spesso l’impressione di assistere alla sperimentazione di un neofita che, come è normale che sia, prova tutte le tecniche possibili senza saper scegliere quella che gli si addice di più. Così facendo, ci ritroviamo con un film completamente scollegato, con momenti che rasentano il trash ed espedienti narrativi che lasciano interdetti. Le continue citazioni letterarie e cinematografiche, poi, pur essendo in alcuni casi divertenti, risultano quantomeno superflue.

No. 7 Cherry Lane è, in sostanza, un film poco riuscito, che non riesce mai a emozionare e che racconta una storia quanto mai risaputa con cambi di tono che arrivano improvvisi e lasciano lo spettatore a bocca aperta senza però creare spettacolo. Un film totalmente dimenticabile.


La locandinaTitolo: No. 7 Cherry Lane (Jìyuántái qīhào)
Regia: Yonfan
Sceneggiatura: Yonfan
Fotografia:
Doppiatori originali: Sylvia Chang, Zhao Wei, Alex Lam, Kelly Yao, Teresa Cheung, Jiang Wenli, Natalia Duplessis, Daniel Wu, Stephen Fung, Tian Zhuangzhuang, Ann Hui, Fruit Chan, Rebecca Pan
Nazionalità: Hong Kong, 2019
Durata: 2h. 05′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].