Stai leggendo:

"Osama" di Siddiq Barmak

11 giugno 2003 Recensioni 0 Commenti
Alberto Cassani, 11 Giugno 2003: Vivo
Lucky Red, 30 Gennaio 2004

Tre donne – una 12enne, sua madre e sua nonna – sono sopravvissute alla repressione del regime talebano. Il marito e il fratello sono morti, e per legge le donne non possono lavorare. La madre decide allora di travestire la figlia da maschio: l’unico modo per procurarsi un po’ di pane. Da ora in poi Maria si chiamerà Osama…


Da una delle più brutte edizioni del Festival di Cannes, il mediorientale che non t’aspetti. Una storia che suona tanto di propaganda (gli sforzi di una vedova afghana per ottenere la dignità negata dai talebani, per se stessa e per la sua giovane figlia) ma un regista che sa emozionare con il mezzo filmico invece che con la politica. E nel cinema di quell’area geografica, ma in fondo anche in quello della vecchia Europa, è una rarità.

La ricostruzione delle condizioni di vita degli (e delle) afghani è efficace e ben bilanciata all’interno della storia che ci viene narrata: non si mostra mai solo per mostrare, ma perché ci serve conoscere quel particolare per meglio capire la vicenda. Questo stile di narrazione asciutto aiuta molto il ritmo del racconto e di conseguenza l’attenzione e il coinvolgimento dello spettatore. E l’interesse di autori e spettatori non finisce per andare verso la politica ma – giustamente – verso i personaggi.

Lo scambio di identità (la protagonista si traveste da ragazzo per poter lavorare) è trattato con attenzione e realismo, a differenza di quanto invece succede nei film orientali, dove basta un cambio d’abito per cambiare sesso. Questa attenzione porta lo spettatore a capire meglio le difficoltà che la protagonista si trova a fronteggiare, rendendo quindi più sentite le scene che la vedono in diretto pericolo. E’ questa una delle rare occasioni recenti in cui si teme davvero per la vita della protagonista, e non è cosa da poco.

Peccato per il finale non molto convincente, e per l’inizio un po’ farraginoso, ma il quarantenne Barmak sa cos’è il cinema e non è niente male vederlo all’opera.


Titolo: Osama (Oussama)
Regia: Siddiq Barmak
Sceneggiatura: Siddiq Barmak
Fotografia: Ibrahim Ghafuri

Interpreti: Marina Golbahari, Arif Herati, Zubaida Sahar, Khwaja Nader, Hamida Refah, Gol Rahman Ghorbandi

Nazionalità: Afghanistan – Giappone – Irlanda, 2003

Durata: 1h. 22′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.