Stai leggendo:

"Quelques jours en Septembre" di Santiago Amigorena

31 agosto 2006 Recensioni 0 Commenti
Festival di Venezia 2006

Inedito in Italia – Bizzarro

Iréne è un’agente del servizio segreto francese la cui missione è aiutare l’ex collega Elliot ad incontrare per l’ultima volta il figlio prima di sparire dietro una nuova identità. Ma quando nell’appuntamento a Parigi qualcosa va storto, Irene porta il ragazzo fino a Venezia…


Una scena di Quelques jours en SeptemberUna splendida Juliette Binoche in versione inedita nell’elegante love-spy-story Quelques jours en Septembre, presentata Fuori Concorso a questa 63ma Edizione della Mostra di Venezia.

Lo sceneggiatore argentino Santiago Amigorena (Le persone normali non hanno nulla di eccezionale, Autoreverse) – ormai definitivamente adottato dai francesi – esordisce alla regia con un film intenso e divertente, il primo di questo Festival ad aver piacevolmente sorpreso per piglio narrativo e sicurezza dietro la macchina da presa.

Juliette Binoche in Quelques jours en SeptemberLa parte sicuramente più interessante del film è a sorpresa quella sentimentale, l’analisi delle personalità dei due giovani che fino a quel momento ignoravano l’uno l’esistenza dell’altra e lo scontro culturale/ideologico che ne consegue sono quanto di più divertente si sia mai sentito. Europa contro America fondamentalmente, la rabbia di un abbandono contro un amore incondizionato, la cucina da gourmet contro il fast-food. Ma in tutto questo, la vera chicca è il personaggio del killer pazzo in cura dall’analista interpretato da John Turturro, che ci delizia con un irresistibile mix di giochi di parole, sgozzamenti, poesie e pistolettate (per non parlare della bizzarra suoneria del suo cellulare…) ma soprattutto con divertentissime telefonate notturne al suo psichiatra.

Un momento di Quelques jours en SeptemberImmancabile (ma tutto sommato compita) la ruffiana ambientazione veneziana e i numerosi ammiccamenti alla sua vena romantica e sognatrice. Straordinaria la Binoche (che ha sfoggiato elegantemente ben 4 lingue diverse) in un ruolo da 007 classico che di solito le attrici (in quanto donne) possono solo sognare. Breve ma molto intensa anche l’apparizione finale del misterioso Elliott interpretato da uno straordinario e commovente Nick Nolte. Completa il tutto una regia sicura e appassionante che alterna alta tensione e risate a denti stretti. Stentiamo a credere che si tratti effettivamente di un esordio.


La locandina francese di Quelques jours en SeptemberTitolo: Quelques jours en Septembre
Regia: Santiago Amigorena
Sceneggiatura: Santiago Amigorena
Fotografia: Christophe Beaucarne
Interpreti: Juliette Binoche, John Turturro, Sara Forestier, Tom Riley, Nick Nolte, Mathieu Demy, Saïd Amadis, Magne Brekke, Joël Lefrançois, Alexis Galmot, Jean-Luc Lucas, Roberto Moro, Julien Husson
Nazionalità: Francia – Italia – Portogallo, 2006
Durata: 1h. 52′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 16 al 18 settembre

  • 1. Alla ricerca di Dory (5.565.727)
  • 2. Trafficanti (879.300)
  • 3. Io prima di te (836.117)
  • 4. L'estate addosso (757.222)
  • 5. Independence Day - Rigenerazione (649.407)
  • 6. The Beatles - Eight Days a Week (582.407)
  • 7. L'era glaciale: In rotta di collisione (485.655)
  • 8. Jason Bourne (267.705)
  • 9. Man in the Dark (239.614)
  • 10. Fuck You Prof! 2 (149.989)