Stai leggendo:

"Remember Me" di Allen Coulter

22 marzo 2010 Recensioni 4 Commenti
Remember Me

Eagle Pictures, 26 Marzo 2010 – Sprecato

Tyler e Ally hanno nel loro passato un evento tragico che ha segnato la loro vita. Si conoscono e si innamorano ma le loro storia d’amore, vissuta intensamente, incontra diverse difficoltà, alcune superabili, altre definitive…


Robert Pattinson ed Emilie de Ravin in Remember MeIl regista Allen Coulter si è fatto una grande esperienza grazie ad alcune tra le produzioni televisive più di successo degli ultimi anni, come I Soprano, Sex & the City e Six Feet Under. La sua provenienza, dunque, pur essendo televisiva dovrebbe assicurare una certa capacità di tenersi lontano dai luoghi comuni che, raccontando una storia d’amore, sono sempre in agguato. I primi venti minuti del film confermano quest’impressione. Ancora i due giovani, interpretati dall’idolatrato Robert Pattinson (Twilight) e da Emilie De Ravin, non si sono incontrati; il film si concentra sulla descrizione delle loro vite e di ciò che le ha sconvolte. Nel caso di Anny l’uccisione della madre da parte di un rapinatore, nel caso di Tyler il suicidio del fratello. Vengono introdotte le rispettive famiglie, ciascuna con le sue incomprensioni e i suoi non detti. Tutto questo è sostenuto da una bella fotografia e da una ambientazione newyorkese che dona al film un’atmosfera interessante.

Emilie de Ravin e Robert Pattinson in Remember MeMan mano che il film procede cominciano a intravedersi delle crepe: il ricorso al luogo comune, la semplificazione delle situazioni, la rinuncia ad andare oltre un certo livello di approfondimento. La storia d’amore tende a banalizzarsi, i rapporti tra i componenti delle rispettive famiglie si complicano e per rappresentare queste difficoltà si ricorre alla estremizzazione delle situazioni. Anche la figura della sorella minore di Tyler appare dapprima interessante ma viene in seguito banalizzata facendole assumere il ruolo di ragazzina complessata e dalle doti artistiche nascoste.

Emilie de Ravin e Robert Pattinson in Remember MeL’impressione è che il regista sia stato vittima non tanto della sua incapacità, quanto della sua mancanza di coraggio. Ha provato a dare un tono denso e forte al film ma ha avuto paura di esagerare, di spiazzare il suo pubblico, abituato al linguaggio televisivo. Ed allora ha voluto rassicurare chi si stava perdendo, nello stesso tempo rinunciando a fare un film interessante.

Il finale è veramente ciò che di peggio si possa immaginare, e basta quello a rendere la pellicola paurosamente retorica. Peccato, perché da una trama del genere poteva uscire qualcosa di diverso…


La locandina di Remember MeTitolo: Remember Me (Id.)
Regia: Allen Coulter
Sceneggiatura: Will Fetters
Fotografia: Jonathan Freeman
Interpreti: Robert Pattinson, Emilie de Ravin, Chris Cooper, Lena Olin, Tate Ellington, Ruby Jerins, Pierce Brosnan, Gregory Jbara, Ruby Jerins, Tate Ellington, Meghan Markle, Chris McKinney, Kate Burton, Justin Grace
Nazionalità: USA, 2009
Durata: 1h. 54′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 4 commenti a questo articolo:

  1. Marco scrive:

    Sono d’accordo con la recensione a parte per due cose: la figura della sorella mi è sembrata molto valida (oltre che una buona prestazione della stessa protagonista) ma soprattutto perchè ha risollevato un pò la storia dai vari clichè banali dei due innamorati, ma non puoi dire che il finale è ciò che di peggio si può immaginare, io e credo tutti quello che abbiano visto il film siano rimasti completamente spiazzati, per tutto il film mi domandavo “come mai è ambientato nel 2001?”, il titolo poi lo identificavo con la figura della scomparsa del fratello di Tyler invece quel Remember alla fine si capisce che non si riferisce a quest’ultimo ma ad una persona veramente “insospettabile”, da quando la maestra scrive sulla lavagna quella fatidica data tutti i nodi vengono al pettine e la mia bocca si è spalancata.
    Bella la prima parte del film che presenta molto bene i personaggi, anche se, come già detto, la superficialità è il tratto che maggiormente si evidenzia nel film.
    Nella parte centrale diventa noioso ma comunque si lascia bene o male seguire, si risolleva completamente nel finale grazie anche alla bellissima musica e qui la regia fa veramente un egregio lavoro di inquadrature.
    Purtroppo il film perde ancora punti nelle brutte prestazioni di tutti gli attori (a parte la già sopracitata sorellina), Pattinson e Brosnan veramante non mi sono piaciuti, forse un tantino di più fa la DeRavin, la Olin sprecatissima e Cooper abbastanza calato.

    Un lavoro più accurato in script avrebbe sicuramente giovato al film ma comunque io consiglierei di vederlo almeno una volta, sopratutto per vedere se alla fine rimarrete spiazzati quasi quanto me (ovviamente non leggete le altre recensioni su altri siti dato che lo spoilerano abbastanza).

  2. Eddie scrive:

    Il finale è una delle cose più di cattivo gusto che io abbia mai visto.

  3. Anonimo scrive:

    Eppure yotobi ha detto che è uno dei migliori finali che lui abbia mai visto…

  4. Alberto Cassani scrive:

    Ognuno ha i suoi gusti, ma secondo me un finale simile è puro sciacallaggio.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.

Incassi dal 23 al 25 settembre