Stai leggendo:

"Ricomincio da capo" di Harold Ramis

25 ottobre 2003 Recensioni 3 Commenti
Ricomincio da capo

Columbia, 7 Gennaio 1994 – Trascinante

Phil lavora in Tv, e un giorno viene spedito a Punxsutawney per fare un reportage sul “giorno della marmotta”: il 2 Febbraio la marmotta si sveglia dal letargo ed esce dalla tana, e a seconda del suo comportamento si sa se l’inverno è finito o no. Ma a Punxsutawney Phil si trova intrappolato in un incubo: ogni giorno è il 2 Febbraio…


Bill Murray e Phil la marmotta in Ricomincio da capo«Dicono che siamo giovani e non sappiamo nulla, e non lo sapremo fino a quando non saremo adulti. Bah, non so se è vero perché – piccola – io ho te e tu hai me…» Così inizia I’ve got you, babe di Sonny & Cher. Una bella canzone, ascoltata una volta. Provate a farne la prima cosa che sentite ogni mattina, e dopo non più di tre giorni scenderete dal letto in uno stato di agitazione indescrivibile. E questo è solo una frazione dell’agitazione che deve provare il povero Phil man mano che un “giorno della marmotta” si sussegue ad un altro. Le piccole cose che nel film di Harold Ramis (collega Ghostbuster di Murray) si ripropongono sempre uguali sono quelle che rendono il film genuinamente comico, i tormentoni che creano la comicità dei cabarettisti e che qui vengono visti sotto una luce diversa portano l’universo in cui Phil si ritrova suo malgrado ad essere interessante, divertente e allo stesso tempo angosciante.

Andie MacDowell in Ricomincio da capoMa c’è poco da tentare un’analisi seria, con questo film. Ricomincio da capo è un film comico costruito intorno alla figura di Bill Murray (divertente come non mai), un film che ha la genialità di inventare risvolti sempre nuovi in una situazione che sembra sempre essere stata raccontata in ogni modo possibile. Certo si potrebbe andare a cercare il significato profondo della storia, una forza sovrannaturale che spinge un uomo verso la redenzione, e si potrebbe anche azzardare qualche paragone con la struttura drammatica di La vita è meravigliosa, ma la realtà è che questo film è una commedia con al suo interno un elemento fantastico. Una commedia che non si propone altro che di farci ridere. E ci riesce in pieno.


La locandina di Ricomincio da capoTitolo: Ricomincio da capo (Groundhog Day)
Regia: Harold Ramis
Sceneggiatura: Danny Rubin, Harold Ramis
Fotografia: John Bailey
Interpreti: Bill Murray, Andie MacDowell, Chris Elliott, Brian Doyle-Murray, Stephen Tobolowsky, Marita Geraghty, Angela Paton, Rick Ducommun, Rick Overton, Robin Duke, Willie Garson, Carol Bivins, Ken Hudson Capbell, Harold Ramis
Nazionalità: USA, 1993
Durata: 1h. 41′


Percorsi Tematici

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Attualmente ci sono 3 commenti a questo articolo:

  1. Marco scrive:

    Albe che ne pensi di “Scrooged”?

  2. Alberto Cassani scrive:

    Sono andato a guardare su IMDB perché non mi ricordavo che era il titolo originale di “SOS Fantasmi”. A me era piaciuto molto, Murray lì faceva degli ottimi duetti con i coprotagonisti e il film aveva un ottimo brio.

  3. Marco scrive:

    Si infatti, il film va avanti grazie soprattutto a Murray.

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.