Stai leggendo:

"Sansa" di Siegfried

13 giugno 2003 Recensioni 0 Commenti
Alberto Cassani, 13 Giugno 2003: Brillante
Inedito in Italia

Sansa ama vivere alla giornata, raccogliendo qualche soldo facendo ritratti ai passanti e sperando nel buon cuore delle donne che incontra. In ogni nazione che attraversa, Sansa incontra donne che lo proteggono e che lo amano, ma incontra anche il misterioso Click…


E’ facile mettere insieme un film così, senza pensare ad un collegamento logico tra una sequenza e la successiva e rubando le immagini per la strada. E’ difficile, invece, riuscire a dare un ritmo efficace al film nella sua interezza, inventare sequenze convincenti e che non appaiano finte. Siegfried riesce per buona parte di questa sua opera terza a divertire lo spettatore, a sorprenderlo e a non fargli chiedere come il protagonista si sposti da un luogo all’altro. Ogni tanto eccede con gli stereotipi, ma era probabilmente necessario per connotare con semplicità e immediatezza le diverse città in cui Sansa si ferma.

Sansa è un francese di colore che ama vivere alla giornata, raccogliendo qualche soldo facendo ritratti ai passanti e sperando nel buon cuore delle donne che incontra, che finiscono puntualmente per essere attratte da lui. In ogni paese che visita – dalla Francia all’Italia, dalla Russia al Giappone – Sansa incontra donne che lo proteggono, che lo amano e lo accudiscono. Ma da un capo all’altro del mondo, Sansa si imbatte spesso anche nel misterioso Click, violinista e direttore d’orchestra, filosofo e contestatore.

Particolarmente riuscita, filmicamente parlando, la sequenza in India (l’unica in cui il protagonista non si vede mai), ma è tutto il film ad avere un’aura quasi ipnotica, grazie allo stile particolare usato dal trentenne Siegfried. Promosso.


Titolo: Sansa
Regia: Siegfried
Sceneggiatura: Siegfried
Fotografia: Vincent Buron, Siegfried
Interpreti: Roschdy Zem, Ivry Gitlis, Georges Abe, Silke, Emma Suárez, Valentina Cervi, Rita Durão, Ayako Fujitani, Bassem Samra, Amar Attia

Nazionalità: Francia, 2003
Durata: 1h. 56′


Percorsi Tematici

  • Non ci sono percorsi tematici collegati a questo articolo.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi un commento







Evita per quanto possibile di scrivere in linguaggio SMS, grazie.

Per cortesia, inserisci gli spoiler tra i tag [spoiler] e [/spoiler].

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure puoi iscriverti alla pagina senza commentare.